Va al «Fuerte Venaria», in una finale in bilico fino a pochi minuti dal triplice fischio, l'edizione 2024 del torneo di calcio «Ciao Yari», organizzato per la 15esima volta consecutiva dagli amici di sempre di Yari Todaro, morto nel settembre 2008 a soli 21 anni in un incidente stradale.

All'impianto «Don Mosso» si sono sfidate, in un girone all'italiana, sei formazioni: I Corto Muso, Atletico Parcheggi, Bar Stazione, Beverly Inps, Fuerte Venaria e Blues Brothers. 

In finale si sono sfidate Fuerte Venaria e Bar Stazione, con la prima che ha vinto 3-1 grazie a una doppietta su punizione di Gianni Pasquale, che ha spezzato l'equilibrio di una sfida che sembrava ormai indirizzata verso i calci di rigore.

Nonostante la pioggia abbia caratterizzato soprattutto il pomeriggio di domenica 7 luglio, al «Don Mosso» era presente il pubblico delle grandi occasioni. Per plaudire i giocatori ma soprattutto per omaggiare Yari Todaro. 

Al termine le premiazioni, dove non è mancata l'allegria e la goliardia: «I Corto Muso» hanno vinto il trofeo per la squadra che maggiormente ha rappresentato lo spirito del torneo. Squadra «materasso» è stata la «Beverly Inps». Premio «Sarà per il prossimo anno» a Steven Lercara. Premio «L'importante è partecipare» è andato ai «Blues Brothers». Premio miglior portiere Michael Maccioni. Premio capocannoniere a Michelangelo Matteucci. Poi i premi per le due finaliste, preludio all'aperitivo e ai fuochi d'artificio che hanno concluso la giornata di festa. 

Galleria fotografica

Articoli correlati