VENARIA - Scontri G7 a Venaria: 7 antagonisti arrestati, 52 denunce

| Le misure hanno riguardato 17 militanti del locale centro sociale “Askatasuna”, della compagine antagonista fiorentina dell’“Autonomia Diffusa Ovunque”, del centro sociale modenese “Spazio Guernica”

+ Miei preferiti
VENARIA - Scontri G7 a Venaria: 7 antagonisti arrestati, 52 denunce
La Polizia Di Stato esegue 17 misure cautelari e denuncia 52 persone

Questa mattina, nell’ambito di un’articolata indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Torino, personale della DIGOS della Questura di Torino in collaborazione con gli omologhi uffici di Roma, Firenze, Modena, Bari e Venezia, ha dato esecuzione a 7 misure cautelari degli arresti domiciliari e a 10 misure cautelari dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.

Le misure hanno riguardato 17 militanti del locale centro sociale “Askatasuna”, della compagine antagonista fiorentina dell’“Autonomia Diffusa Ovunque”, del centro sociale modenese “Spazio Guernica”, del collettivo universitario “Sapienza Clandestina”, dell’“Ex Caserma Liberata” di Bari e dei “Centri Sociali – Nord Est” di Venezia. Tali soggetti sono ritenuti responsabili dei gravi episodi di intemperanza verificatisi in occasione del Vertice G7 di Venaria del settembre 2017, per i quali sono stati denunciati, a diverso titolo, per i reati di violenza aggravata a pubblico ufficiale ed esplosione di ordigni e materiale esplodenti.

Diciassette il numero complessivo delle misure cautelari eseguite:

ARRESTI DOMICILIARI

-ROSSETTO Giorgio, di anni 57, leader di Askatasuna;

-BONADONNA Andrea, di anni 43, leader di Askatasuna;

-MARZUOLI Mattia, di anni 36, leader di Askatasuna;

-RAVIOLA Umberto, di anni 29, leader di Askatasuna;

-LAVIOLA Donato, di anni 31, leader di Askatasuna;

-GENTILE Stella, di anni 38, militante di Askatasuna;

-TONDINI Dario, di anni 22, leader di “Autonomia Diffusa” di Firenze.

A  10 persone, invece, è stato notificato l' Obbligo di presentazione alla P.G.

Per quanto concerne i fatti che hanno dato origine alle misure, l’annuncio dello svolgimento presso la Reggia di Venaria Reale del Vertice G7 sui temi dell’Industria, Scienza e Lavoro aveva suscitato l’immediata reazione della variegata galassia antagonista torinese e nazionale che, sotto la sigla “Assemblea RESETG7”, con sede logistica presso la Cavallerizza Reale Occupata, aveva sin da subito avviato una mobilitazione generale che ha poi dato luogo, soprattutto nelle ultime due giornate della Kermesse, ad una escalation di azioni violente.

Le articolate indagini svolte dalla Digos di Torino, mediante l’analisi di numerosissimi video effettuati da personale della Polizia Scientifica e da operatori di diverse reti televisive, hanno consentito di individuare, in collaborazione con le DIGOS di altre città, complessivamente 52 persone resesi responsabili di condotte criminose, anche gravi, tutte denunciate all’Autorità Giudiziaria. Alla regia delle azioni criminali i leader storici di “Askatasuna”: ROSSETTO Giorgio, RAVIOLA Umberto, MARZUOLI Mattia e BONADONNA Andrea.

Questi, in sintesi, i fatti. Nell’intera giornata del 29 settembre 2017 si erano susseguite una serie di iniziative che avevano progressivamente innalzato il livello della contestazione. Nella mattinata, infatti, su iniziativa del movimento studentesco torinese, si era svolto un estemporaneo corteo di circa 500 persone, provenienti anche da altri contesti territoriali, nel corso del quale si registravano diversi tentativi di sfondamento dei contingenti delle forze dell’ordine con il precipuo obiettivo di raggiungere l’Hotel di piazza Carlina, dove erano ospitati i leader e le delegazioni dei Paesi partecipanti al Vertice. Ancora nel pomeriggio, i collettivi studenteschi, sotto l’egida dei leader del centro sociale Askatasuna, davano vita ad un altro corteo tentando più volte di raggiungere l’albergo rovesciando altresì sul sedime stradale alcuni cassonetti della spazzatura, dandoli alle fiamme.

La mobilitazione riprendeva poi nella serata: circa 200 manifestanti, muniti di bandiere del network di Autonomia Operaia (mutando così il volto della protesta), uscivano nuovamente dall’Università effettuando un ennesimo corteo nel centro cittadino dove, in via Po, nel rinnovato intento di avvicinarsi alla zona dove erano ospitati i leader e le delegazioni dei Paesi partecipanti al Vertice, si registravano i fatti più gravi della giornata.

Nella circostanza, i facinorosi, in maniera proditoria e tutti travisati, incominciavano a lanciare diverse bombe carta ed artifizi pirotecnici mediante lanciatori multipli contro i contingenti delle forze dell’ordine che, dopo alcuni minuti di assedio, riuscivano a disperderli.

L’attenta analisi dei filmati ha consentito altresì di notare che, durante le fasi di arretramento dei responsabili dei lanci, un uomo travisato tentava di rallentare l’avanzamento dei reparti, spruzzando verso le forze dell’ordine il gas di una bomboletta spray, con l'intento di garantire l’impunità dei suoi compagni.

Giunti alla giornata conclusiva del vertice del G7, e precisamente il 30 settembre 2017, circa 2000 manifestanti partiti in corteo da largo Toscana giungevano in piazza Vittorio Veneto di Venaria Reale, a circa 200 metri dalla Reggia, ove era in corso il meeting internazionale. In quella circostanza, circa 200 antagonisti tentavano di forzare lo sbarramento delle FF. OO., dietro lo striscione “contro i padroni del mondo riprendiamoci ciò che ci spetta”. A tal fine, utilizzavano diversi carrelli della spesa, lanciando altresì bombe carta e razzi verso gli agenti di polizia che, in risposta, procedevano con un’azione di contenimento con il mezzo idrante e di alcuni lacrimogeni.

Grazie all’analisi dei filmati, è stato inoltre possibile individuare l’autore del lancio di una bottiglia di vetro che colpiva al volto una giornalista, provocandole la perdita di due denti (per il quale pende separato procedimento presso la Procura della Repubblica di Ivrea).   Poco dopo, i circa 200 facinorosi, ricompattatosi, reiteravano due analoghi tentativi di sfondamento sul lato destro di piazza Vittorio Veneto con l’utilizzo di grossi petardi e fuochi d’artificio esplosi ad altezza uomo mediante lanciatori multipli. Anche in quella circostanza si rendeva necessario l’uso dell’idrante e di lacrimogeni.

Cronaca
CASELLE - Lavori lungo il raccordo Torino-Caselle: disagi fino al 9 dicembre
CASELLE - Lavori lungo il raccordo Torino-Caselle: disagi fino al 9 dicembre
Per la rimozione e l’installazione dei nuovi portali che sovrappassano l’intera carreggiata, potranno essere istituite temporanee sospensioni della circolazione lungo entrambe le corsie della durata non superiore a 5 minuti.
COLLEGNO - Evacuata la scuola media «Anna Frank» per una sospetta fuga di gas
COLLEGNO - Evacuata la scuola media «Anna Frank» per una sospetta fuga di gas
A dare l'allarme studenti e professori, che hanno sentito un forte odore di gas: la fuga, però, potrebbe essere in una ditta poco distante dalla scuola stessa.
RIVOLI - 25 dosi di marijuana nascoste nella pochette: 20enne arrestata dalla polizia
RIVOLI - 25 dosi di marijuana nascoste nella pochette: 20enne arrestata dalla polizia
Le hanno trovate gli agenti del commissariato di Rivoli, nella serata di sabato 16 novembre, durante un controllo antidroga nella zona di via Frejus, nota per essere area di spaccio.
VENARIA - Tentato omicidio di via Amati: in carcere la madre del piccolo di 14 mesi
VENARIA - Tentato omicidio di via Amati: in carcere la madre del piccolo di 14 mesi
Ieri mattina, lunedì 18 novembre 2019, era stata ascoltata dal giudice per l’udienza preliminare del tribunale di Torino per decidere la convalida dell’arresto stesso. La 42enne è difesa dall’avvocato Vittorio Pesavento.
VENARIA - L'Avis premia gli studenti donatori di sangue del liceo Juvarra
VENARIA - L
Al termine della cerimonia c'è stata una lezione informativa da parte della dottoressa Ghiazza rivolta tutti gli studenti con la presentazione del bando 2019/20.
RIVOLI-LA CASSA - Controlli antidroga sui bus: identificati 40 studenti, uno segnalato per marijuana
RIVOLI-LA CASSA - Controlli antidroga sui bus: identificati 40 studenti, uno segnalato per marijuana
A seguito di alcune segnalazioni, la Guardia di Finanza di Torino ha intensificato nei giorni scorsi la presenza su alcune linee bus, in concomitanza con gli orari di entrata e di uscita degli studenti.
RIVOLI - Omicidio di Marco Massano: 30 anni di reclusione per il pensionato 92enne
RIVOLI - Omicidio di Marco Massano: 30 anni di reclusione per il pensionato 92enne
Massano, che aveva uno studio a Grugliasco, era stato ucciso dal Cellino dopo un sopralluogo per conto del tribunale di Asti, che doveva decidere sull'eventuale pignoramento dell'abitazione del pensionato.
RIVOLI - Oltre 70 persone alla scoperta della collina morenica grazie a «Rivoli Città Attiva»
RIVOLI - Oltre 70 persone alla scoperta della collina morenica grazie a «Rivoli Città Attiva»
Domenica mattina, assieme a Gino Gallo (appassionato della Collina e autore di alcuni libri), Alberto Poggio (Ingegnere, membro della Commissione tecnica Torino-Lione) e Carlo Gottero, già presidente di Coldiretti.
SAN GILLIO - Guidava senza patente perché revocata da sei anni: denunciato dai civich
SAN GILLIO - Guidava senza patente perché revocata da sei anni: denunciato dai civich
Qualche settimana prima, gli stessi civich sangilliesi avevano multato un uomo - e sequestrato il mezzo - perché sorpreso alla guida nonostante l'assenza della rca.
VENARIA - Tenta di uccidere il figlio: palloncini e messaggi di auguri per il piccolo
VENARIA - Tenta di uccidere il figlio: palloncini e messaggi di auguri per il piccolo
La donna, al momento, è in stato di fermo all’ospedale Maria Vittoria: le sue condizioni sono ancora gravi.
Le news di Venaria, Druento e venariese le trovi su QuotidianoVenaria.it
Le notizie di Venaria le trovi su QuotidianoVenaria.it!
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Venariese in tempo reale!
QuotidianoVenaria è un supplemento telematico di QuotidianoCanavese, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Editore