VENARIA - Scontri G7 a Venaria: 7 antagonisti arrestati, 52 denunce

| Le misure hanno riguardato 17 militanti del locale centro sociale “Askatasuna”, della compagine antagonista fiorentina dell’“Autonomia Diffusa Ovunque”, del centro sociale modenese “Spazio Guernica”

+ Miei preferiti
VENARIA - Scontri G7 a Venaria: 7 antagonisti arrestati, 52 denunce
La Polizia Di Stato esegue 17 misure cautelari e denuncia 52 persone

Questa mattina, nell’ambito di un’articolata indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Torino, personale della DIGOS della Questura di Torino in collaborazione con gli omologhi uffici di Roma, Firenze, Modena, Bari e Venezia, ha dato esecuzione a 7 misure cautelari degli arresti domiciliari e a 10 misure cautelari dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.

Le misure hanno riguardato 17 militanti del locale centro sociale “Askatasuna”, della compagine antagonista fiorentina dell’“Autonomia Diffusa Ovunque”, del centro sociale modenese “Spazio Guernica”, del collettivo universitario “Sapienza Clandestina”, dell’“Ex Caserma Liberata” di Bari e dei “Centri Sociali – Nord Est” di Venezia. Tali soggetti sono ritenuti responsabili dei gravi episodi di intemperanza verificatisi in occasione del Vertice G7 di Venaria del settembre 2017, per i quali sono stati denunciati, a diverso titolo, per i reati di violenza aggravata a pubblico ufficiale ed esplosione di ordigni e materiale esplodenti.

Diciassette il numero complessivo delle misure cautelari eseguite:

ARRESTI DOMICILIARI

-ROSSETTO Giorgio, di anni 57, leader di Askatasuna;

-BONADONNA Andrea, di anni 43, leader di Askatasuna;

-MARZUOLI Mattia, di anni 36, leader di Askatasuna;

-RAVIOLA Umberto, di anni 29, leader di Askatasuna;

-LAVIOLA Donato, di anni 31, leader di Askatasuna;

-GENTILE Stella, di anni 38, militante di Askatasuna;

-TONDINI Dario, di anni 22, leader di “Autonomia Diffusa” di Firenze.

A  10 persone, invece, è stato notificato l' Obbligo di presentazione alla P.G.

Per quanto concerne i fatti che hanno dato origine alle misure, l’annuncio dello svolgimento presso la Reggia di Venaria Reale del Vertice G7 sui temi dell’Industria, Scienza e Lavoro aveva suscitato l’immediata reazione della variegata galassia antagonista torinese e nazionale che, sotto la sigla “Assemblea RESETG7”, con sede logistica presso la Cavallerizza Reale Occupata, aveva sin da subito avviato una mobilitazione generale che ha poi dato luogo, soprattutto nelle ultime due giornate della Kermesse, ad una escalation di azioni violente.

Le articolate indagini svolte dalla Digos di Torino, mediante l’analisi di numerosissimi video effettuati da personale della Polizia Scientifica e da operatori di diverse reti televisive, hanno consentito di individuare, in collaborazione con le DIGOS di altre città, complessivamente 52 persone resesi responsabili di condotte criminose, anche gravi, tutte denunciate all’Autorità Giudiziaria. Alla regia delle azioni criminali i leader storici di “Askatasuna”: ROSSETTO Giorgio, RAVIOLA Umberto, MARZUOLI Mattia e BONADONNA Andrea.

Questi, in sintesi, i fatti. Nell’intera giornata del 29 settembre 2017 si erano susseguite una serie di iniziative che avevano progressivamente innalzato il livello della contestazione. Nella mattinata, infatti, su iniziativa del movimento studentesco torinese, si era svolto un estemporaneo corteo di circa 500 persone, provenienti anche da altri contesti territoriali, nel corso del quale si registravano diversi tentativi di sfondamento dei contingenti delle forze dell’ordine con il precipuo obiettivo di raggiungere l’Hotel di piazza Carlina, dove erano ospitati i leader e le delegazioni dei Paesi partecipanti al Vertice. Ancora nel pomeriggio, i collettivi studenteschi, sotto l’egida dei leader del centro sociale Askatasuna, davano vita ad un altro corteo tentando più volte di raggiungere l’albergo rovesciando altresì sul sedime stradale alcuni cassonetti della spazzatura, dandoli alle fiamme.

La mobilitazione riprendeva poi nella serata: circa 200 manifestanti, muniti di bandiere del network di Autonomia Operaia (mutando così il volto della protesta), uscivano nuovamente dall’Università effettuando un ennesimo corteo nel centro cittadino dove, in via Po, nel rinnovato intento di avvicinarsi alla zona dove erano ospitati i leader e le delegazioni dei Paesi partecipanti al Vertice, si registravano i fatti più gravi della giornata.

Nella circostanza, i facinorosi, in maniera proditoria e tutti travisati, incominciavano a lanciare diverse bombe carta ed artifizi pirotecnici mediante lanciatori multipli contro i contingenti delle forze dell’ordine che, dopo alcuni minuti di assedio, riuscivano a disperderli.

L’attenta analisi dei filmati ha consentito altresì di notare che, durante le fasi di arretramento dei responsabili dei lanci, un uomo travisato tentava di rallentare l’avanzamento dei reparti, spruzzando verso le forze dell’ordine il gas di una bomboletta spray, con l'intento di garantire l’impunità dei suoi compagni.

Giunti alla giornata conclusiva del vertice del G7, e precisamente il 30 settembre 2017, circa 2000 manifestanti partiti in corteo da largo Toscana giungevano in piazza Vittorio Veneto di Venaria Reale, a circa 200 metri dalla Reggia, ove era in corso il meeting internazionale. In quella circostanza, circa 200 antagonisti tentavano di forzare lo sbarramento delle FF. OO., dietro lo striscione “contro i padroni del mondo riprendiamoci ciò che ci spetta”. A tal fine, utilizzavano diversi carrelli della spesa, lanciando altresì bombe carta e razzi verso gli agenti di polizia che, in risposta, procedevano con un’azione di contenimento con il mezzo idrante e di alcuni lacrimogeni.

Grazie all’analisi dei filmati, è stato inoltre possibile individuare l’autore del lancio di una bottiglia di vetro che colpiva al volto una giornalista, provocandole la perdita di due denti (per il quale pende separato procedimento presso la Procura della Repubblica di Ivrea).   Poco dopo, i circa 200 facinorosi, ricompattatosi, reiteravano due analoghi tentativi di sfondamento sul lato destro di piazza Vittorio Veneto con l’utilizzo di grossi petardi e fuochi d’artificio esplosi ad altezza uomo mediante lanciatori multipli. Anche in quella circostanza si rendeva necessario l’uso dell’idrante e di lacrimogeni.

Cronaca
VENARIA - Il commissario prefettizio è il viceprefetto Laura Ferraris
VENARIA - Il commissario prefettizio è il viceprefetto Laura Ferraris
Guiderà la città della Reggia fino alle prossime elezioni, che dovrebbero essere nella primavera del 2020, salvo novità dal Ministero dell'Interno.
COLLEGNO - Doppio incidente in tangenziale: cinque mezzi coinvolti, camion perde il carico di sabbia
COLLEGNO - Doppio incidente in tangenziale: cinque mezzi coinvolti, camion perde il carico di sabbia
Due gli incidenti stradali che hanno creato caos e code chilometriche. Due incidenti a distanza di pochi minuti l'uno dall'altro, attorno alle 8.30.
RIVOLI - Incidenti a raffica in tangenziale: bilancio di quattro feriti - FOTO
RIVOLI - Incidenti a raffica in tangenziale: bilancio di quattro feriti - FOTO
In particolare lungo la tangenziale nord di Torino si sono verificati diversi scontri. Il più serio all'altezza dell'uscita di Rivoli, intorno alle 15, in direzione nord
VENARIA - Finisce oggi il mandato del sindaco Falcone: "E' stato un onore"
VENARIA - Finisce oggi il mandato del sindaco Falcone: "E
Da domani la città é sotto commissariamento. La Prefettura a breve ufficializzerà il nome del commissario prefettizio.
ROBASSOMERO - Esplosione alla A2A: dieci pompieri finiscono in ospedale
ROBASSOMERO - Esplosione alla A2A: dieci pompieri finiscono in ospedale
Accertamenti di carattere precauzionale, dopo che in due giorni - tra sabato 13 e domenica 14 luglio - sono intervenuti per la situazione di estremo pericolo nella ditta di stoccaggio di rifiuti pericolosi.
MATHI - Furti sulle auto di donne sole che andavano al cimitero o al supermercato: 2 arresti
MATHI - Furti sulle auto di donne sole che andavano al cimitero o al supermercato: 2 arresti
I carabinieri hanno perquisito alcuni locali in uso ai due dove sono stati recuperati un televisore e un orologio in oro «Paul Picot» del valore di circa 4mila euro risultato rubato. I materiali sono stati posti sotto sequestro.
VENARIA - Incatenata al letto e costretta ad avere rapporti sessuali: carnefice condannato a 7 anni
VENARIA - Incatenata al letto e costretta ad avere rapporti sessuali: carnefice condannato a 7 anni
La sentenza è arrivata nella giornata di giovedì 11 luglio ed è stata pronunciata dal giudice Ombretta Vanini del tribunale di Ivrea, dopo il processo con rito abbreviato.
ROBASSOMERO - Finita l'emergenza alla A2A: circoscritta una parte dell'azienda per verifiche
ROBASSOMERO - Finita l
Anche il Comune è intervenuto immediatamente con il sindaco il vicesindaco e tutti i suoi delegati e hanno monitorato la situazione fino a tarda sera.
ROBASSOMERO - Nuova esplosione alla A2A: vigili del fuoco in azione a distanza di un solo giorno
ROBASSOMERO - Nuova esplosione alla A2A: vigili del fuoco in azione a distanza di un solo giorno
Solamente nella mattinata di ieri, altre due esplosioni, con l'area industriale che era stata fatta evacuare.
CASELLE - Ruba un Rolex e un bracciale ad una passeggera: denunciata una imprenditrice
CASELLE - Ruba un Rolex e un bracciale ad una passeggera: denunciata una imprenditrice
Nei giorni scorsi da parte della Polaria di Torino Caselle
Le news di Venaria, Druento e venariese le trovi su QuotidianoVenaria.it
Le notizie di Venaria le trovi su QuotidianoVenaria.it!
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Venariese in tempo reale!
QuotidianoVenaria è un supplemento telematico di QuotidianoCanavese, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Editore