Domenica 25 settembre 2022, dalle 7 alle 23, si voterà per eleggere il nuovo parlamento italiano e, di riflesso, il nuovo governo.

Di questa importante tornata elettorale ne parliamo con Andrea Cerutti, classe 1986, già consigliere comunale a Scalenghe e Venaria, attuale segretario della Lega e, soprattutto, attuale consigliere regionale: è stato eletto nel 2019 nella quota proporzionale nella circoscrizione di Torino.

Andrea Cerutti, perché un elettore dovrebbe votare Lega?

“Perché abbiamo dimostrato di saper governare bene. E Venaria, la città dove vivo e dove ancora oggi faccio politica, è proprio uno degli esempi più lampanti, più belli in assoluto. Una amministrazione ‘a traino’ Lega che ha vinto le elezioni del 2020 e che, con il supporto delle altre forze politiche di centrodestra, come Fratelli d’Italia, Forza Italia e la civica Venaria Riparte, ha dimostrato di essere capace a governare Venaria. È lampante, in quasi due anni di mandato, come sia cambiata Venaria. Un cambiamento radicale, in meglio. Ed è lampante anche quanto è stato fatto in Regione Piemonte in questi anni. Il prossimo governo sarà la dimostrazione di come il centrodestra possa governare l’Italia, con la Lega protagonista. Con Ministri, deputati e senatori preparati e competenti, che daranno quel ‘cambio di passo’ tanto atteso dagli italiani”.

Nel corso di questi anni, quanto ha fatto la Regione per Venaria?

“Davvero tanto. Grazie alla nuova governance di Atc, e grazie al grande lavoro dell’assessorato alle Politiche Sociali di Venaria, 32 alloggi sono stati assegnati a cittadini che ne avevano bisogno tra le liste dell’emergenza abitativa e quelle della graduatoria generale. Un dato importante, che fa emergere come la Lega sia da sempre in prima fila per aiutare chi è in difficoltà. Ma non possiamo dimenticare il lavoro svolto, sempre in sinergia tra Città e Regione per quanto concerne la Reggia. Essere rientrati nel Cda è stato fondamentale. Così come è stato unico e straordinario l’evento di Immaginaria: un Natale differente e particolarmente apprezzato dai venariesi e dai tantissimi turisti che sono venuti in città un anno fa. Questa sinergia, che cresce di mese in mese, sta facendo vedere i suoi frutti. E non si può dimenticare il bando per la messa in sicurezza delle sponde fluviali del Ceronda: un fiume in salute evita tragedie come quella di pochi giorni fa nelle Marche. Senza dimenticare le Case di Comunità, le Case della Salute, i fondi per la Torino-Ceres. Qualcuno dirà che sono fondi dello Stato. E io ribatto: vero, ma la Regione poteva destinarli altrove. Ma la Regione ha visione, ha strategia. E lo ha dimostrato ancora una volta”.

Quali sono i progetti futuri che la Regione porterà avanti nel corso di questi mesi?

“Sono tantissimi i progetti. Lavoriamo per una Reggia ancora più protagonista, un aeroporto con più rotte che potranno essere un volano turistico anche per le città limitrofe, Venaria in primis. Lavoreremo anche per una legge per dare alle famiglie asili nido gratuiti. Lavoreremo per avere ponti sicuri. E il Decreto Ponti, dove la Lega è stata protagonista, ha permesso di dare a Venaria soldi fondamentali per rifare ex novo il ponte Castellamonte, dove gli esperti continuano a rimarcare come sia pericoloso”.

Perché due parlamentari della Lega a Roma?

“Alessandro Benvenuto ha fatto molto per il Decreto Ponti ed è un importante collante tra Governo, Regione e Comuni. Elena Maccanti si è battuta e si è fatta in quattro per evitare di mettere in ginocchio i taxisti con l’annosa questione delle liberalizzazioni, così come per la questione Ztl a Venaria, interagendo con il Ministero. Questo vuole dire avere a cuore il territorio”.

Informazione politico elettorale

Galleria fotografica

Articoli correlati