Troppi incendi nelle aziende agricole tra Basso Canavese, cintura ovest di Torino e Bassa Valle di Susa.

E così Coldiretti Torino, nella persona del presidente Bruno Mecca Cici, chiede più controlli da parte delle forze dell'ordine:

«Da un anno - osserva - continuano a verificarsi incendi in aziende agricole. Ci pare evidente che non può reggere la tesi della successione di eventi spontanei: troppo simili le dinamiche. Più volte abbiamo chiesto agli agricoltori di aumentare la vigilanza. Ma, a questo punto, chiediamo un'attenzione prioritaria da parte delle forze dell'ordine».

Nei materiali vegetali l'autocombustione è un fenomeno possibile per via dell'aumento della temperatura interna alle masse a causa della fermentazione naturale. Ma sono davvero rari i fenomeni di autocombustione in presenza di basse temperature invernali. Tra l'altro, la Bassa Valle di Susa è da sempre territorio privilegiato di azione di piromani, come dimostrano i ripetuti incendi, in questi casi, boschivi, che si verificano in occasione di giornate di vento forte.

Per fortuna, in questi episodi ripetuti non ci sono ancora stati feriti gravi – conclude Mecca Cici – Ma il danno alle attività e ai sistemi agricoli locali è ingente. Ricordo, a questo proposito, che le aziende agricole arrivano da un’annata 2022 colpita dalla siccità e dai forti rincari delle materie prime tra cui fieno e paglia. Ci sono poche scorte nelle fattorie e c’è scarsa disponibilità di fieno, addirittura sul mercato europeo: introvabile se non a prezzi altissimi cresciuti, in un anno, addirittura del 300%».

Galleria fotografica

Articoli correlati