VENARIA - Coronavirus, serrande alzate per protesta: i commercianti vogliono aiuti dallo Stato

| Ieri sera è andata in scena la protesta da parte di tantissimi esercenti venariesi vicini all’Ascom, che ha deciso di disobbedire e di alzare le serrande per chiedere aiuti allo Stato

+ Miei preferiti
VENARIA - Coronavirus, serrande alzate per protesta: i commercianti vogliono aiuti dallo Stato

C’è chi ha messo un tavolino fuori dal bar, con due tazzine sopra. Chi, invece, ha alzato la serranda, acceso le luci e nulla più. Chi, ancora, ha posizionato il tavolino e ha messo due lumini, simil votivi, quasi a certificare l’imminente morte del commercio, sempre che non ci sia un concreto aiuto dal Governo.

 

Ieri sera è andata in scena la protesta da parte di tantissimi esercenti venariesi vicini all’Ascom, che ha deciso di disobbedire e di alzare le serrande per un’oretta circa, dimostrando quanta voglia ci sia di tornare alla normalità, pur facendo i conti con l’emergenza Coronavirus.

 

“Speravamo di poter riaprire il 4 maggio e invece il Governo ha fatto slittare tutto tra il 18 maggio e il 1 giugno - spiega Christian Contu (Il Convito, via Mensa), presidente dell’Ascom Venaria. Si chiede al commercio un sacrifico troppo pesante, senza misure compensative. I commercianti ed i loro collaboratori con le loro famiglie non la pensano nello stesso modo. Non siamo d’accordo nel modo e nel merito. Davvero aprire un negozio o di un bar, dove entrerebbero una o due persona alla volta con guanti e mascherina, viene considerato più pericoloso che aprire una fabbrica con centinaia di lavoratori? Con queste scelte si condannano le imprese del commercio e della ristorazione al fallimento. Questa per noi era alta stagione, a breve ci sarebbero state cresime, comunioni, battesimi, la Festa delle Rose. Ora non ci sarà nulla. E le bollette arrivano, i debiti si accumulano e si rischia di dover lasciare casa storici dipendenti”.

 

Desiree Mistroni (De Florio, corso Garibaldi), essendo anche madre, fa una ulteriore osservazione: “Le scuole non riapriranno. A chi lasciamo i figli? E poi, questione finanziamenti. Il tasso zero non esiste. E una rata da 530 euro al mese, per quei famosi 25mila euro che lo Stato, tramite le banche, ci concede, sono davvero troppi. Perché si sommano a tutte le bollette, ai fornitori, ai dipendenti. E noi, come titolari, non vogliamo lasciare nessuno a casa. Di sole colazioni portate a casa e di pranzi preparati e consegnati in ufficio non si vive. Dobbiamo tornare alla normalità, ma in sicurezza. Dovrebbe esserci un confronto con chi, ogni giorno, fa questo mestiere”. 

 

Alessandro Trevisani (Nuova Cernaia, piazza Annunziata) non accetta le restrizioni da Coronavirus: “I tavoli a distanza di due metri l’uno dall’altro, due persone per tavolo a un metro l’una dall’altra. Vorrebbe dire sfruttare un locale per il 30%. A questo punto forse è meglio stare a casa altri mesi, ma ripartire al 100%. Perché secondo voi con le barriere in plexiglass, verrebbero a mangiare nei ristoranti?”.

 

Gianni Goffredo (Goffrey’s via San Marchese) ricorda anche il tema affitti: “Nel nostro caso abbiamo trovato i proprietari dei muri molto comprensivi. Con il delivery non possiamo vivere, ma con le nuove restrizioni come facciamo? Non riesco a mantenere i dipendenti e così facendo non riusciremo a reggere un altro inverno. I 600 euro mi servono a pagare due terzi della bolletta della luce”. 

 

Maria Lo Piccolo (Passami il Sale, via Mensa) e Carmen Fucarino (La Locanda via Mensa) hanno paura del futuro: “Se lo Stato non blocca le tasse, non obbliga le banche a stoppare i mutui per un anno, diventa veramente un dramma. Noi viviamo dello svago, di persone che vengono qui, vanno in Reggia, mangiano qualcosa e vanno via. A oggi non sappiamo come fare. Un ristorante è come un’azienda. Oggi avremmo bisogno noi della cassa integrazione, di un vero aiuto dallo Stato. Perchè abbiamo ammanchi per centinaia di migliaia di euro”.

Galleria fotografica
VENARIA - Coronavirus, serrande alzate per protesta: i commercianti vogliono aiuti dallo Stato - immagine 1
VENARIA - Coronavirus, serrande alzate per protesta: i commercianti vogliono aiuti dallo Stato - immagine 2
VENARIA - Coronavirus, serrande alzate per protesta: i commercianti vogliono aiuti dallo Stato - immagine 3
VENARIA - Coronavirus, serrande alzate per protesta: i commercianti vogliono aiuti dallo Stato - immagine 4
VENARIA - Coronavirus, serrande alzate per protesta: i commercianti vogliono aiuti dallo Stato - immagine 5
VENARIA - Coronavirus, serrande alzate per protesta: i commercianti vogliono aiuti dallo Stato - immagine 6
VENARIA - Coronavirus, serrande alzate per protesta: i commercianti vogliono aiuti dallo Stato - immagine 7
VENARIA - Coronavirus, serrande alzate per protesta: i commercianti vogliono aiuti dallo Stato - immagine 8
VENARIA - Coronavirus, serrande alzate per protesta: i commercianti vogliono aiuti dallo Stato - immagine 9
VENARIA - Coronavirus, serrande alzate per protesta: i commercianti vogliono aiuti dallo Stato - immagine 10
VENARIA - Coronavirus, serrande alzate per protesta: i commercianti vogliono aiuti dallo Stato - immagine 11
VENARIA - Coronavirus, serrande alzate per protesta: i commercianti vogliono aiuti dallo Stato - immagine 12
VENARIA - Coronavirus, serrande alzate per protesta: i commercianti vogliono aiuti dallo Stato - immagine 13
VENARIA - Coronavirus, serrande alzate per protesta: i commercianti vogliono aiuti dallo Stato - immagine 14
VENARIA - Coronavirus, serrande alzate per protesta: i commercianti vogliono aiuti dallo Stato - immagine 15
VENARIA - Coronavirus, serrande alzate per protesta: i commercianti vogliono aiuti dallo Stato - immagine 16
Cronaca
ALPIGNANO - Uomo si getta dal ponte: muore a 31 anni. E' l'ennesimo caso
ALPIGNANO - Uomo si getta dal ponte: muore a 31 anni. E
Chiuso al traffico per i noti motivi di sicurezza, da anni, purtroppo, é luogo di troppi suicidi.
CASELLE - Non rispettano le misure «anti Covid»: i carabinieri chiudono il chiosco del Prato Fiera
CASELLE - Non rispettano le misure «anti Covid»: i carabinieri chiudono il chiosco del Prato Fiera
E dopo una serie di avvisi bonari, questa notte, è arrivato il provvedimento che porterà alla chiusura fino a tutto giovedì prossimo.
VENARIA - Centri estivi: entro mercoledì 10 dovranno pervenire in Comune le manifestazioni d'interesse
VENARIA - Centri estivi: entro mercoledì 10 dovranno pervenire in Comune le manifestazioni d
Per ulteriori informazioni e per scaricare la documentazione, consultare il sito internet comunale: www.comune.venariareale.to.it.
CORONAVIRUS - Bollettino: 20.246 guariti, 2498 in via di guarigione, 7 morti, +38 positivi
CORONAVIRUS - Bollettino: 20.246 guariti, 2498 in via di guarigione, 7 morti, +38 positivi
I ricoverati in terapia intensiva sono 37 (-3 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 684 (-59). In isolamento domiciliare sono 3.586. I tamponi diagnostici processati sono 340.176, di cui 188.407 negativi.
VENARIA - Cade mentre fa la spesa al mercato di viale Buridani e finisce in ospedale
VENARIA - Cade mentre fa la spesa al mercato di viale Buridani e finisce in ospedale
Protagonista una donna, subito soccorsa dai volontari dell'Associazione Nazionale Carabinieri e, successivamente, dal personale sanitario 118 della Croce Verde di Villastellone.
VENARIA - Si torna in palestra e in piscina: ecco come funziona allo Sport Club
VENARIA - Si torna in palestra e in piscina: ecco come funziona allo Sport Club
Ogni sportivo non potrà accedere alla palestra o alla piscina senza l’autocertificazione o se la temperatura corporea, misurata all’ingresso, sia superiore ai 37.5 °C.
VENARIA - Dall'8 giugno via ai lavori di riqualificazione di piazza De Gasperi
VENARIA - Dall
Successivamente toccherà a piazza Nenni e alla rotatoria di via Amati, all'altezza del ponte Rigola. I lavori hanno uno costo di 627mila euro, iva esclusa.
RIVOLI - Il luogotenente Fucarino nominato «comandante migliore d'Italia» dei Carabinieri
RIVOLI - Il luogotenente Fucarino nominato «comandante migliore d
La targa gli è stata consegnata, alla caserma "Bergia", dal prefetto di Torino, Claudio Palomba, e dal comandante della legione, il Generale di brigata Aldo Iacobelli.
CORONAVIRUS - Bollettino: 19.872 guariti, 2639 in via di guarigione, 17 morti, +49 positivi
CORONAVIRUS - Bollettino: 19.872 guariti, 2639 in via di guarigione, 17 morti, +49 positivi
I ricoverati in terapia intensiva sono 40 (-3 rispetto a ieri), i ricoverati non in terapia intensiva sono 743 (-65). In isolamento domiciliare sono 3.586. I tamponi processati sono 335.814, di cui 186.036 negativi.
ASL TO3 E CORONAVIRUS - Test sierologici sul personale sanitario: 200 positivi, 9 in quarantena
ASL TO3 E CORONAVIRUS - Test sierologici sul personale sanitario: 200 positivi, 9 in quarantena
Il Servizio medico competente dell’Asl To3 ha eseguito e processato i test sierologici per SARS-CoV-2 su tutto il personale sanitario, tecnico e amministrativo che ha lavorato a vario titolo presso le strutture aziendali durante questi mesi
Le news di Venaria, Druento e venariese le trovi su QuotidianoVenaria.it
Le notizie di Venaria le trovi su QuotidianoVenaria.it!
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Venariese in tempo reale!
QuotidianoVenaria è un supplemento telematico di QuotidianoCanavese, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Editore