BORGARO - Il commosso saluto del sindaco Gambino all'amico Vincenzo Barrea

| Poco prima della fine del funerale il primo cittadino ha preso la parola per un suo ricordo personale, che di seguito riportiamo

+ Miei preferiti
BORGARO - Il commosso saluto del sindaco Gambino allamico Vincenzo Barrea

Poco prima della fine del funerale di Vincenzo Barrea, il sindaco Claudio Gambino ha preso la parola per un suo ricordo personale, che di seguito riportiamo:

 

“Caro Vincenzo. Bello scherzo che mi hai fatto. Qui oggi, all’ultimo dell’anno, davanti a questa marea di persone, per darti l’ultimo saluto. Tutti sanno che amavi gli scherzi, ma così mi sembra davvero troppo. 

Ho messo quella che chiamavi la cravatta da battaglia: ho provato a fare il nodo come mi hai insegnato tu tanti e tanti anni fa, ma di sicuro non è venuto bene, con la fossetta al centro come volevi tu. 

Siamo in tutti qui oggi raccolti per darti l’ultimo saluto. Un’intera città. Una comunità che si stringe attorno alla tua Barbara, una donna splendida che ti ha donato felicità e serenità. A Maria Concetta, sorella che negli ultimi dieci anni è stata anche un pò mamma. A papà Franco, un grand’uomo, a cui la vita ha riservato tante, forse troppe sofferenze. Al tuo cognato e amico Eugenio e ai tuoi adorati nipoti, per i quali rimarrai per sempre lo zio Pimpi.

Siamo qui in questa chiesa che 10 anni fa hai inaugurato da Sindaco insieme al Vescovo, a don Osvaldo e a don Beppe. Questa chiesa ci parla di te. Come tanti altri edifici di Borgaro, E ci raccontano della storia di un grande amore. L’amore di un Sindaco per la sua Città e l’amore di una Città per il suo Sindaco.

Quanti giri in macchina ci siam fatti per le strade di Borgaro. Per vedere se i lampioni fossero a posto. Se l’erba fosse tagliata, i tombini a posto o qualche buca da rimettere in sesto. Una roba da pazzi come hai sempre ripetuto tu. ‘Ma solo chi amministra può davvero capire’, dicevi spesso. Per tanti anni hai amministrato prendendoti cura della nostra Borgaro. Prima da assessore, da giovane ingegnere neo laureato. Poi per dieci anni da sindaco. E poi, fino a pochi giorni fa, da consigliere comunale.

In questi anni hai insegnato tanto. Dando l’esempio: sei stato un amministratore appassionato, capace e competente. Ci hai insegnato che amministrare significa prendersi cura, prendersi cura della città, delle persone e dei problemi. E oggi siamo in tanti a doverti dire grazie per questo insegnamento e per il lavoro che hai svolto. Oggi qui con noi ci sono tanti ragazzi e ragazze. Alcuni non più giovani, ma che si sono avvicinati alla politica grazie a te. E ora sono classe dirigente di questa Città. Mancherà a loro, e mancherà a me, la tua figura. Eri un punto di riferimento e, allo stesso tempo, di confronto. Tu un giorno mi dissi: ‘Quando fai il sindaco, sei un uomo solo’. E io oggi mi sento ancora più solo senza di te. Oggi, che sei tornato accanto a tua mamma, lasci un vuoto grande in tutti noi. Ognuno di noi ti deve qualcosa. La cosa migliore che possiamo fare, per onorare la tua memoria, è quella di impegnarsi ancora di più per questa Città. Con ancora più impegno e passione. 

E che dire della ‘tua’ Unione Net e la Città Metropolitana? Aldo Corgiat, tuo grande amico, ti ha definito ‘un politico local che pensava su area vasta’. Niente male per uno nato a Romagna Mia e che è diventato adulto assieme alla sua Borgaro. Hai dimostrato di avere visione politica e una preparazione che andavano davvero oltre confine.

Oggi era pieno di autorità, di sindaci, di gonfaloni, di labari di associazioni. E di tante persone comuni. Un segno tangibile di stima e affetto verso di te. Un riconoscimento per te, Vincenzo, il ragazzo che aveva origini della Basilicata. Un ragazzo semplice, che è sempre andato fiero delle sue origini.

Quante battaglie insieme. Quante ne abbiamo vinte. L’ultima per difendere le tua onorabilità. Ha dovuto difenderti dall’infamante accusa di peculato. Noi sapevamo, in cuor nostro, che si trattava di un attacco immotivato e che si sarebbe risolto, come è accaduto, con l’archiviazione. Ma quanto hai dovuto soffrire! Ma ne sei uscito a testa alta. Come sempre.

E come non ricordare l’amore per la tua Juve. Come si può dimenticare la trasferta di Manchester per vedere la finale Milan-Juve, persa per il rigore di Montero. Ci siamo fatti 24 ore di macchina per la nostra Juve. E siamo usciti con le lacrime agli occhi, facendo il viaggio di ritorno in silenzio. Qualche settimana fa ci eravamo ripromessi di andare alla finale, perché per noi era l’anno buono per andarci e vincerla. Non so se sarà davvero l’anno buono, ma di certo non ci potremo andare assieme. 

La tua fede bianconera era conosciuta dai tanti amici granata che durante l’anno non smettevi di torturare. Specie dopo le vittorie nei derby, dove mandavi messaggi di presa in giro e loro rispondevano con i messaggi di recriminazioni su arbitri e rigori non dati.

Infine, caro amico mio, voglio ricordarti per la tua grande umanità. All’apparenza eri rude ma poi ti scioglievi e diventavi affettuoso. Avevi un animo buono. E hai spesso e volentieri aiutato le persone in difficoltà, senza renderlo pubblico. 

‘Le vere soddisfazioni da Sindaco sono quando si riesce a risolvere un problema ad un tuo concittadino’. Ti prometto che cercheremo di non piangere per la tua assenza. Ma tu da lassù continua a proteggerci e a proteggere la tua Borgaro”.

 

Claudio Gambino

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Cronaca
TERREMOTO in Val di Susa: scossa a Condove, sentita anche nella nostra zona.
TERREMOTO in Val di Susa: scossa a Condove, sentita anche nella nostra zona.
nella tarda serata odierna, domenica 26 gennaio 2020, attorno alle 23.06, ad una profondità di 19 km.
VENARIA - GIORNO DELLA MEMORIA: Gli appuntamenti in programma in città
VENARIA - GIORNO DELLA MEMORIA: Gli appuntamenti in programma in città
Il clou sarà la riproposizione di "Auschwitz dall'alto"- il plastico della Memoria. Lo spettacolo multimediale, per raccontare uno dei momenti più bui e dolorosi della storia del '900.
VENARIA - Il mondo agricolo in festa, al Gallo-Praile, per Sant'Antonio Abate - FOTO
VENARIA - Il mondo agricolo in festa, al Gallo-Praile, per Sant
Dopo la sfilata dei trattori, ecco la Santa Messa officiata da don Iginio Golzio, parroco della chiesa Santa Gianna Beretta Molla, alla presenza del padrino e della madrina, ovvero Alessandro Balma e Odilia Stefano.
CASELLE - Giorno della Memoria: in Sala Cervi si racconta la storia di Marisa, deportata per errore
CASELLE - Giorno della Memoria: in Sala Cervi si racconta la storia di Marisa, deportata per errore
La scrittrice si collegherà via Skype durante la serata, per raccontare il libro, che vede la prefazione di Aldo Cazzullo.
GRUGLIASCO - Tenta di investire due poliziotti per evitare il posto di blocco: spari e inseguimento
GRUGLIASCO - Tenta di investire due poliziotti per evitare il posto di blocco: spari e inseguimento
E' successo oggi pomeriggio, sabato 25 gennaio, in piazza 66 Martiri. Nel pomeriggio, ecco due arresti: si tratta di un albanese e un italiano, trovati con della droga. Caccia al terzo complice.
VENARIA - Tutto esaurito in biblioteca per ascoltare lo scrittore Antonio Manzini
VENARIA - Tutto esaurito in biblioteca per ascoltare lo scrittore Antonio Manzini
La rassegna vede la collaborazione di Davide Ruffinengo e “Profumi per la Mente” e ha il patrocinio del Comune di Venaria.
RIVOLI - L'ecocentro di via Ravensburg riapre i battenti: ecco gli orari di apertura
RIVOLI - L
Taglio del nastro questa mattina, sabato 25 gennaio 2020, alla presenza dei vertici di Cidiu e dell'amministrazione comunale.
VENARIA - Domattina la festa di Sant'Antonio Abate, patrono di agricoltori, allevatori e animali
VENARIA - Domattina la festa di Sant
Si partirà alle 9.30, con la sfilata dei trattori nel rione. Alle 10, Santa Messa presso la chiesa Santa Gianna Beretta Molla di via Pretegiani.
VENARIA - Ladri senza vergogna: rubate le bottiglie in plastica dell'«Albero creativo» della Romero
VENARIA - Ladri senza vergogna: rubate le bottiglie in plastica dell
Dopo lo smontaggio, i 12 sacchi erano stati posizionati fuori da un magazzino di un imprenditore venariese in via Don Sapino. La rabbia di Marilena Cuna, presidente dell'associazione "Divieto di Noia".
RIVOLI - Auchan: firmata oggi in Regione Piemonte la cassa integrazione per i lavoratori
RIVOLI - Auchan: firmata oggi in Regione Piemonte la cassa integrazione per i lavoratori
Una trattativa complessa che ha guardato anche oltre, visto che ci sono altri tre Ipermercati in Piemonte inseriti nello stesso contesto Margherita/Conad: uno a Cuneo, uno a Torino e uno a Venaria.
Le news di Venaria, Druento e venariese le trovi su QuotidianoVenaria.it
Le notizie di Venaria le trovi su QuotidianoVenaria.it!
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Venariese in tempo reale!
QuotidianoVenaria è un supplemento telematico di QuotidianoCanavese, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Editore