DRUENTO - Perde la mano destra per lo scoppio di un petardo: ricostruita al Cto

| Il caso di Lorenzo Di Modica, ventenne di Druento, è diventato oggetto di studio per i medici della Città della Salute di Torino.

+ Miei preferiti
DRUENTO - Perde la mano destra per lo scoppio di un petardo: ricostruita al Cto
Il caso Lorenzo Di Modica, ventenne di Druento, che il primo gennaio 2019 ha perso la mano destra in seguito allo scoppio di un petardo durante i festeggiamenti di Capodanno, è diventato oggetto di una conferenza all’ospedale CTO della Città della Salute di Torino.

Subito dopo l’incidente il giovane è stato trasferito in elisoccorso all’ospedale CTO dove, dopo un’operazione di tre ore, l’equipe del dottor Bruno Battiston è riuscita a ricostruire parti dell’anulare e del mignolo, amputando la parte di mano compromessa, in modo tale da permettere interventi microchirurgici ricostruttivi o il posizionamento più adatto di una protesi.

Officina Ortopedica Maria Adelaide ha applicato al ragazzo la i-Digits, una protesi multiarticolata per amputazione parziale di mano che si muove grazie ad un sensore mioelettrico e a due batterie, consentendo a Lorenzo di compiere sia movimenti elaborati, come prendere piccoli oggetti, allacciarsi le scarpe, che altri semplici come indicare un oggetto o stringere la mano.

Le due strutture sono eccellenze riconosciute in tutta Italia e hanno lavorato in perfetta sinergia per permettere a Lorenzo di recuperare la mobilità del suo arto destro. Grazie all’intervento cui il giovane si è sottoposto, è stato possibile conservare buona parte della muscolatura e nervi al fine di garantire le connessioni per la protesi mioelettrica applicata successivamente: “Sono molto contento. È stato un periodo durissimo, gli ultimi mesi non sono stati semplici, ma adesso è arrivato il momento di guardare avanti” – racconta Lorenzo Di Modica – “Una nuova fase della mia vita è appena iniziata! Voglio ringraziare i medici dell’ospedale CTO e i tecnici di Officina Ortopedica Maria Adelaide per il grande lavoro fatto e per l’aiuto che sono riusciti a darmi”.

Professor Giuseppe Massazza, Direttore Dipartimento Ortopedia Traumatologia e Riabilitazione Città della Salute e Università degli Studi di Torino, Scuola di Medicina e Chirurgia: “In urgenza il paziente Lorenzo Di Modica è stato preso in carico e trattato dalla dott.ssa Elisa Dutto, della Struttura Ortopedia e Traumatologia 2 diretta dal Dott. Bruno Battiston, in servizio di reperibilità microchirurgica, per salvare ciò che rimaneva della mano, parte del mignolo e dell’anulare, con la prospettiva di un utilizzo basilare per alcune attività quotidiane. Ogni anno l’uso di botti e petardi causa lesioni devastanti principalmente alle mani. Il nostro augurio e lo scopo di campagne di informazione è che i giovani possano realizzare quanto sia devastante la lesione da scoppio, che di solito coinvolge la mano dominante”.

Dottor Bruno Battiston, Direttore S.C. Ortopedia e Traumatologia 2 ad indirizzo Chirurgia della Mano CTO della Città della Salute di Torino: “Talvolta si riescono ad eseguire ricostruzioni con tecniche microchirurgiche riuscendo a salvare le parti lese, ma spesso la gravità del danno costringe ad amputazioni anche ampie. In urgenza il chirurgo deve decidere con rapidità quali parti poter salvare e la scelta è sempre legata alla possibilità di interventi ricostruttivi microchirurgici da effettuare successivamente oppure alla tipologia di protesizzazione da adottare. È necessario usare la massima prudenza e attenzione nell’acquistare e maneggiare petardi o materiali esplosivi, che spesso sono veri e propri ordigni”.

Dott.ssa Elisa Dutto, Dirigente Medico S.C. Ortopedia e Traumatologia 2 ad indirizzo Chirurgia della Mano CTO della Città della Salute di Torino: “Nell’attività del chirurgo della mano è fondamentale conoscere le possibilità di trattamento futuro sia dal punto di vista chirurgico che protesico al fine di prendere le decisioni migliori per ridurre o rendere meno faticoso al paziente un percorso di cura che è impegnativo per la lunga e costante fisioterapia ed oltretutto segnato da una forte componente psicologica per il tipo di lesione. Il percorso terapeutico viene svolto in concerto tra i chirurghi della mano della Struttura Ortopedia e Traumatologia 2 diretti dal Dott. Battiston, i fisiatri e i fisioterapisti diretti dal Prof. Massazza, le psicologhe afferenti al servizio di Psicologia Clinica Traumatologica Dipartimentale ed i tecnici delle officine ortopediche”.
 

Cronaca
COLLEGNO - L'Unicef premia le pigotte collegnesi
COLLEGNO - L
Oltre mille pigotte in 14 anni di lavoro per un totale di ben 8750 euro di ricavato destinato per i kit salvavita
COLLEGNO - Nasce in città la Casa della Salute Materno Infantile
COLLEGNO - Nasce in città la Casa della Salute Materno Infantile
Un’esperienza unica in Italia: tutti i pediatri di Collegno, Grugliasco, Rivoli, Rosta e Villarbasse lavoreranno insieme per garantire una forma innovativa di assistenza ai piccoli pazienti e alle famiglie del distretto Asl To3
SMOG - Tavolo sulla Qualità dell'aria, amministratori e Città Metropolitana: «Regione assente»
SMOG - Tavolo sulla Qualità dell
La consigliera metropolitana Barbara Azzarà: "Ci siamo ritrovati attorno al Tavolo, ancora una volta, senza la presenza dell’assessore all’ambiente"
GRUGLIASCO - Apre Consolata, la prima struttura per anziani del gruppo Emera
GRUGLIASCO - Apre Consolata, la prima struttura per anziani del gruppo Emera
L'azienda francese, nel 2018, ha siglato un protocollo d'intesa con il Comune di Grugliasco e l'Agenzia Piemonte Lavoro per reclutare il personale necessario
VENARIA - Cartelli e disegni per dire «no» all'abbattimento degli alberi in via Amati
VENARIA - Cartelli e disegni per dire «no» all
Bambini e residenti hanno detto "no" al taglio. Ma quegli alberi, almeno secondo quanto espresso da uno studio fatto dalla Giunta Falcone, erano malati.
RIVOLI - Controlli anti droga al Darwin e al Natta: uno studente denunciato per spaccio
RIVOLI - Controlli anti droga al Darwin e al Natta: uno studente denunciato per spaccio
Il servizio è stato organizzato con la collaborazione delle direzioni scolastiche, molto attente al problema del contrasto dell'uso e dello spaccio di sostanze stupefacenti in ambito scolastico.
BORGARO - Insulti razzisti alla Defassi: arrivate le scuse di bambina e famiglia
BORGARO - Insulti razzisti alla Defassi: arrivate le scuse di bambina e famiglia
Allarme rientrato a meno di 24 ore dal post di un padre che aveva denunciato tramite Facebook come il figlio di 7 anni fosse da tempo oggetto di insulti a sfondo razziale da parte di una compagna di classe
MATHI - Non accetta la nuova storia d'amore e inizia a pedinarla e a minacciarla di morte
MATHI - Non accetta la nuova storia d
Nel caso in cui non dovesse rispettare questo provvedimento, il provvedimento si trasformerà in arresto.
BORGARO - Insulti razzisti ad un bimbo di sette anni alla elementare Defassi: indaga la scuola
BORGARO - Insulti razzisti ad un bimbo di sette anni alla elementare Defassi: indaga la scuola
Almeno secondo la versione di un padre, che questa mattina, martedì 12 novembre 2019, ha denunciato l'accaduto mediante Facebook, raccontando quanto sarebbe accaduto nell'ultimo periodo nella scuola.
MAPPANO non ha un tribunale di competenza: istanza dell'avvocato contro un procedimento giudiziario
MAPPANO non ha un tribunale di competenza: istanza dell
E' il contenuto di un atto presentato dall'avvocato Patrizia Bugnano al Tribunale di Ivrea per conto di un cittadino mappanese.
Le news di Venaria, Druento e venariese le trovi su QuotidianoVenaria.it
Le notizie di Venaria le trovi su QuotidianoVenaria.it!
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Venariese in tempo reale!
QuotidianoVenaria è un supplemento telematico di QuotidianoCanavese, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Editore