BANDA INTERNET ULTRA LARGA - In primavera i lavori in sette Comuni della zona

| Partiranno tra maggio e giugno i lavori per la realizzazione della connessione Internet a banda ultra larga nelle cosiddette “aree bianche a fallimento di mercato” del Piemonte.

+ Miei preferiti
BANDA INTERNET ULTRA LARGA - In primavera i lavori in sette Comuni della zona
Partiranno tra maggio e giugno i lavori per la realizzazione della connessione Internet a banda ultra larga nelle cosiddette “aree bianche a fallimento di mercato” del Piemonte. Per iniziativa della Regione, nell’auditorium della sede di corso Inghilterra della Città Metropolitana di Torino si è tenuto giovedì 11 gennaio un incontro con i sindaci dei Comuni interessati alla prima fase degli interventi.

I Comuni della zona dove arriverà il servizio saranno Fiano, La Cassa, Mappano, Givoletto, Val della Torre, Vallo e Varisella. 

Il Piano nazionale per la banda ultralarga nelle aree bianche mira a risolvere il problema del digital divide garantendo la copertura ad almeno 100 Mbps fino all’85% della popolazione italiana, la copertura ad almeno 30 Mbps garantita alla totalità della popolazione italiana, la copertura ad almeno 100 Mbps di sedi ed edifici pubblici(scuole e ospedali in particolare). Per il raggiungimento di tali obiettivi Infratel Italia, società pubblica istituita per favorire la digitalizzazione del Paese, ha avviato un piano di attività che ha previsto una gara per la selezione di un operatore in grado di realizzare e successivamente gestire l’infrastruttura passiva per la diffusione dei servizi a banda ultra larga. L’operazione è resa possibile dall’utilizzo di fondi nazionali, europei (FESR-Fondo europeo di sviluppo regionale e FEASR-Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale) e regionali. Durante l’incontro nella sede della Città Metropolitana i rappresentanti della società Open Fiber, aggiudicataria della seconda gara per la realizzazione delle nuove reti, i funzionari di Infratel e quelli regionali hanno illustrato il quadro degli interventi e fornito chiarimenti di tipo tecnico e amministrativo.

LE FASI DEL PROGETTO

I Comuni piemontesi interessati alla prima fase degli interventi sono 132 (vedi elenco in allegato) con una popolazione di quasi 300.000 abitanti.  Quelli appartenenti al territorio della Città Metropolitana di Torino sono una cinquantina. Quasi tutte le amministrazioni locali hanno già firmato le convenzioni operative. Le fonti di finanziamento pubbliche per la banda ultra larga in Piemonte nelle aree bianche a fallimento di mercato ammontano complessivamente a 284 milioni di Euro, così ripartiti: 195 milioni di fondi europei PAR FSC, 44,3 milioni di fondi POR FESR e 45,6 di fondi POR FEASR. A queste risorse si aggiungeranno altri 200 milioni di Euro di investimenti privati. Dopo la firma del contratto con Open Fiber (avvenuta a novembre) e dopo l’approvazione del progetto definitivo da parte di Infratel, l’aggiudicatario dovrà redigere il progetto esecutivo entro sessanta giorni e dare successivamente avvio ai lavori di infrastrutturazione. Nelle prossime settimane è prevista una serie di sopralluoghi nei territori interessati alla redazione dei progetti esecutivi, con l’obiettivo di individuare infrastrutture pubbliche o private riutilizzabili per la posa della fibra ottica: ad esempio impianti dell’illuminazione pubblica, sottoservizi, ecc. Si dovranno anche individuare spazi o aree idonee ad ospitare le varie strumentazioni e verificare i vincoli da rispettare. L’intervento sulla banda ultra larga è piuttosto complesso, soprattutto per la mole di autorizzazioni necessarie: Infratel ne ha calcolate circa novemila solo in Piemonte. La concertazione territoriale con tutti gli attori pubblici e privati interessati, in questo caso, è veramente una conditio sine qua non dell’intero processo.  Il piano regionale sulla banda ultra larga mira anche alla salvaguardia e valorizzazione degli investimenti già attuati, alla tutela e valorizzazione dei piccoli operatori locali (che avranno pari opportunità di accesso) e allo stimolo alla domanda, attraverso la diffusione dei servizi regionali digitali. La rete realizzata sarà data in concessione per vent’anni all'aggiudicatario e rimarrà di proprietà pubblica.

 

Cronaca
VENARIA - Giorno della Memoria 2018: le iniziative in programma in città
VENARIA - Giorno della Memoria 2018: le iniziative in programma in città
Le iniziative si svolgeranno tutte sabato 27 gennaio 2018.
VENARIA - La «ricetta» dei Moderati per incentivare il commercio: «disco orario in viale Buridani»
VENARIA - La «ricetta» dei Moderati per incentivare il commercio: «disco orario in viale Buridani»
Un’area di sosta con disco orario in viale Buridani, piazza Martiri della Libertà e in tutte le vie limitrofe. E’ l’idea cui hanno pensato i consiglieri comunali Maurizio Russo e Viviana Andreotti.
CASELLE - Pecore al pascolo abusivamente: tre pastori denunciati dai carabinieri
CASELLE - Pecore al pascolo abusivamente: tre pastori denunciati dai carabinieri
È stato anche richiesto l’intervento dei veterinari dell’ASL TO-4 per la presenza di 5 ovini morti su citati terreni. Gli animali sono stati rimossi per il successivo smaltimento.
MAPPANO - Passi in avanti verso l'autonomia amministrativa: trovato l'accordo con Caselle
MAPPANO - Passi in avanti verso l
L'accordo è sul personale in carico al Cim, il vecchio consorzio dei servizi, che regolarizza la posizione lavorativa di cinque persone.
VENARIA - Atti vandalici a Corona Verde: i teppisti filmati con un telefonino
VENARIA - Atti vandalici a Corona Verde: i teppisti filmati con un telefonino
Le forze dell'ordine stanno restringendo il cerchio. L'identificazione dovrebbe essere questione di tempo. Intanto i danni sono ingenti.
CASELLE - A febbraio riparte il progetto «Pedibus»: iscrizioni entro il 31 gennaio
CASELLE - A febbraio riparte il progetto «Pedibus»: iscrizioni entro il 31 gennaio
La linea sarà quella "Rossa", con arrivo alla scuola elementare "Rodari", con partenza da via Madre Teresa di Calcutta
VENARIA - Il «bilancio partecipativo» 2018 partirà a breve. Con più soldi a disposizione?
VENARIA - Il «bilancio partecipativo» 2018 partirà a breve. Con più soldi a disposizione?
Lo ha affermato il sindaco Roberto Falcone a margine della consegna delle Lavagne interattive multimediali nelle scuole cittadine.
FALSI OPERATORI ASL - La direzione generale: «non aprite la porta di casa»
FALSI OPERATORI ASL - La direzione generale: «non aprite la porta di casa»
Diverse le segnalazioni. Si tratta di una banda specializzata che cerca, con ogni scusa, di intrufolarsi in casa per poi rubare soldi, oggetti preziosi e monili.
CASELLE - Creme per la pelle pericolose sequestrate in aeroporto dalla Guardia di Finanza
CASELLE - Creme per la pelle pericolose sequestrate in aeroporto dalla Guardia di Finanza
Una settantina di barattoli senza alcun tipo autorizzazione sequestrati al "Pertini". Nei guai un 40enne di nazionalità nigeriana.
VENARIA - Dieci lavagne interattive multimediali per "rivoluzionare" le scuole cittadine
VENARIA - Dieci lavagne interattive multimediali per "rivoluzionare" le scuole cittadine
Le “Lim” hanno ottenuto il 16,86% dei voti delle elezioni per il bilancio partecipativo 2016, con il Comune che ha così deciso di stanziare poco più di 22mila euro per il loro acquisto.
Le news di Venaria, Druento e venariese le trovi su QuotidianoVenaria.it
Le notizie di Venaria le trovi su QuotidianoVenaria.it!
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Venariese in tempo reale!
QuotidianoVenaria è un supplemento telematico di QuotidianoCanavese, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Editore