Sono saliti a 26 i dipendenti della «Italia Independent» licenziati. 

L'azienda che ha sede a Venaria Reale, in via Emilia, e fondata da Lapo Elkann, oggi, martedì 20 settembre 2022, in procedura di concordato - a causa di un buco di bilancio di 25 milioni di euro - ha aperto la procedura di licenziamento collettivo per 26 dipendenti senza far ricorso a nessun ammortizzatore sociale «con l’unica magra consolazione, di erogare in tempi brevi il pagamento del trattamento di fine rapporto», spiegano i sindacalisti della Filcams Cgil di Torino.

«È l'ennesimo fallimento imprenditoriale di Lapo Elkann. L'ennesimo giocattolo rotto che lascia 26 famiglie senza un reddito. L'unico interesse dell’imprenditore, oggi, è quello di salvare il marchio e il buon nome della famiglia dal fallimento. Non si tiene conto che dietro al marchio di Italian Independent ci sono 26 famiglie che vedono il proprio futuro crollare di fronte alla lettera di licenziamento, dopo anni di sacrificio impegno e dedizione purtroppo questo è l’amaro risultato. Impegno e dedizione che, sicuramente, sono mancati ai precedenti dirigenti di questa azienda, visto la perdita economica degli ultimi anni che ha portato all’apertura della crisi aziendale: probabilmente per Lapo Elkann e i suoi soci l’unica sofferenza è la rottura del bel giocattolo.

È l’ennesima perdita per questo territorio che vede scomparire una azienda che forniva occupazione e reddito a 26 famiglie. Chiediamo quindi un interessamento ed un impegno ben più consistenti per le lavoratrici e lavoratori da parte di Lapo Elkann e dei suoi soci, e non il solo pagamento delle competenze dovute per legge», concludono i sindacalisti.

Per questi motivi, giovedì 22 settembre 2022, è stata indetta una giornata di sciopero di tutti i lavoratori con presidio di fronte all'azienda, in via Emilia 16 a Venaria, dalle 9 alle 12.

Galleria fotografica

Articoli correlati