Coronavirus, farmacisti truffati dal falso distributore: ordinavano mascherine e gel che non arrivavano mai

| È quanto ha scoperto la Guardia di Finanza di Torino nel corso di un’operazione che ha portato alla denuncia di un imprenditore vercellese, commerciante nel settore del bestiame.

+ Miei preferiti
Coronavirus, farmacisti truffati dal falso distributore: ordinavano mascherine e gel che non arrivavano mai
È bastato un sito particolarmente accattivante associato ad un prezzo imbattibile ed in pochi giorni sono piovuti sui suoi conti correnti centinaia di bonifici per decine di migliaia di Euro, ma delle mascherine nessuna traccia.

È quanto ha scoperto la Guardia di Finanza di Torino nel corso di un’operazione che ha portato alla denuncia di un imprenditore vercellese, commerciante nel settore del bestiame.

“Mascherine di ogni tipo, FFP1, FFP2, FFP3, chirurgiche, termometri e prodotti igienizzanti in quantitativi ingenti, con la promessa di consegnare il materiale entro 10 giorni; non mancavano neanche le offerte: per ordini di minimo 500.000 pezzi il prezzo scendeva a 0,90 centesimi cadauna. In un attimo oltre 200 farmacisti sono finiti nella trappola dell’imprenditore.

I “Baschi Verdi” del Gruppo Pronto Impiego Torino erano però già sulle sue tracce e, supportati dai colleghi del Gruppo di Vercelli e della Compagnia di Caselle Torinese, sono riusciti in pochi giorni a stroncare una truffa da oltre 1 milione di Euro.

Oltre 250 le persone raggirate, tra questi appunto farmacisti, medici, infermieri, associazioni di volontariato e ancora più grave alcuni Enti Locali; tra questi addirittura due comuni uno in Piemonte mentre l’altro in Basilicata.  I due comuni, una volta ottenute le mascherine, le avrebbero immediatamente destinate o alla loro protezione personale oppure alla successiva distribuzione ai servizi di assistenza.

Ad ogni reclamo sulla mancata fornitura di mascherine la giustificazione era sempre la stessa “Il cargo all’Aeroporto di Caselle arriverà tra qualche giorno, abbiate pazienza”; nulla è mai arrivato dalla Malesia, paese indicato dall’imprenditore quale luogo di produzione. Stessa “messinscena” anche con i Finanzieri che si erano finti acquirenti. Anzi, proprio di fronte agli inquirenti, si era vantato di essere in procinto di fornire 20.000.000 di mascherine al Governo Svizzero.

Tutto falso! L’unica mascherina presente in azienda il giorno della perquisizione era quella sul volto dell’improvvisato commerciante.

Ora il sito è stato sequestrato insieme alle migliaia di file inerenti ai contatti commerciali, e ai conti correnti personali dell’indagato.

La Guardia di Finanza di Torino, che ha condotto le indagini coordinate dai magistrati Vincenzo Pacileo e Alessandro Aghemo della Procura della Repubblica di Torino, sta ora acquisendo le numerose querele da parte delle centinaia di persone truffate.

Le indagini sono ancora in corso e dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Torino si raccomanda di porre la massima attenzione nell’acquisto dei dispositivi di protezione individuale; in questi giorni infatti numerosi sono i siti dedicati al commercio di detti articoli come numerose sono le aziende che hanno rimodulato la loro produzione a tale scopo.  Meglio avviare degli acquisti in quantitativi ridotti per assicurarsi della qualità dei prodotti e degli stessi fornitori.

Cronaca
RIVOLI - Malasanità all'ospedale: Le comunicano la morte della madre, ma era viva
RIVOLI - Malasanità all
Protagonista - e ne avrebbe di certo fatto a meno - una donna di 78 anni, di Giaveno, ricoverata per alcuni problemi di natura polmonare. Ad essere morta era la vicina di letto.
VENARIA-CAFASSE- Presa la banda dei furti in abitazione: agivano durante il lockdown
VENARIA-CAFASSE- Presa la banda dei furti in abitazione: agivano durante il lockdown
In manette quattro albanesi. Per gki investigatori avrebbero messo a segno ben trenta furti.
CAOS IN TANGENZIALE - Prima l'incendio di un tir, poi l'incidente: lunghe code
CAOS IN TANGENZIALE - Prima l
Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, gli agenti della polizia stradale di Torino e gli ausiliari della viabilità dell'Ativa.
VENARIA - Il sindaco di Pianezza, Antonio Castello: «ecco perché sceglierei Fabio Giulivi»
VENARIA - Il sindaco di Pianezza, Antonio Castello: «ecco perché sceglierei Fabio Giulivi»
Endorsement pubblico del primo cittadino nei riguardi del candidato sindaco del centrodestra in vista del ballottaggio del 4 e 5 ottobre 2020.
VENARIA ELEZIONI - Schillaci scrive al Progetto Civico: «Dialogo e confronto per il bene della città»
VENARIA ELEZIONI - Schillaci scrive al Progetto Civico: «Dialogo e confronto per il bene della città»
Una apertura al dialogo e al superare vecchi dissidi, per provare a ricucire e a governare insieme in caso di vittoria nel ballottaggio del 4 e 5 ottobre 2020.
VENARIA - Le guerre immortalate negli scatti di Pellegrin nella mostra «Un'Antologia» alla Reggia - FOTO
VENARIA - Le guerre immortalate negli scatti di Pellegrin nella mostra «Un
L'esposizione sarà aperta al pubblico da giovedì 1 ottobre 2020 e fino al 31 gennaio 2021. L’inaugurazione è avvenuta questa mattina, mercoledì 30 settembre 2020, alla presenza del grande fotografo.
VENARIA - Ciclista in ospedale dopo l'impatto con l'auto: trascinata per una ventina di metri
VENARIA - Ciclista in ospedale dopo l
La ciclista è stata soccorsa dal personale sanitario della Croce Verde Torino sezione di Venaria: ora è al Maria Vittoria, in codice giallo.
RIVOLI - Fuga di gas in via Acqui: zona isolata e intervento di pompieri e tecnici del gas
RIVOLI - Fuga di gas in via Acqui: zona isolata e intervento di pompieri e tecnici del gas
La zona è stata isolata dalle squadre intervenute e il personale del nucleo NBCR (nucleare biologico chimico radiologico)
TORINO-COLLEGNO - 51 dosi di cocaina ed eroina nascoste in un cappello: due pusher arrestati
TORINO-COLLEGNO - 51 dosi di cocaina ed eroina nascoste in un cappello: due pusher arrestati
Tutto ha inizio in via Sacchi a Torino, dove gli agenti controllano un ventunenne gabonese in via Sacchi che fornisce generalità false ma si tradisce con un messaggio presente nel cellulare.
RIVOLI - Venerdì al Teatrino del Castello la prima del film thriller «Corona», sul Coronavirus
RIVOLI - Venerdì al Teatrino del Castello la prima del film thriller «Corona», sul Coronavirus
Film scelto per chiudere la rassegna “Pestifera” che ha esplorato i temi del contagio morale e fisico. Si entra con il biglietto di ingresso del Museo. Inizio ore 20,30.
Le news di Venaria, Druento e venariese le trovi su QuotidianoVenaria.it
Le notizie di Venaria le trovi su QuotidianoVenaria.it!
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Venariese in tempo reale!
QuotidianoVenaria è un supplemento telematico di QuotidianoCanavese, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Editore