Macerie, guano di piccione, bagni spaccati e vandalizzati, strutture in stato di abbandono. Questa la situazione dei campi «C» e «D» dell'impianto «Don Mosso» di Altessano a Venaria. 

Ma entro poco tempo, quella struttura lascerà spazio al nuovo Centro Tecnico della Federcalcio, presentato questa mattina in municipio.

L’impianto verrà riqualificato dotandolo di una tribuna da 1500 posti per gli spettatori e di 2 campi per il gioco del calcio, uno in erba sintetica e l’altro in erba mista a sintetica, omologati per il campionato di Lega Pro. Inoltre, saranno realizzati gli spogliatoi per le squadre, allenatori ed arbitri, una sala medica, una sala per il controllo antidoping, la sala stampa, oltre alla sala per servizi di ristorazione.

Il centro punta a diventare un riferimento regionale dopo lo stadio Olimpico Grande Torino e lo Juventus Allianz Stadium e oltre ad ospitare le attività sportive delle associazioni calcistiche venariesi, si terranno anche quelle del settore giovanile e scolastico della F.I.G.C., delle rappresentative regionali della Lega Nazionale Dilettanti, degli arbitri, degli allenatori.

 

Il progetto presenta un valore complessivo di 1.877.184 euro, finanziato per 800 mila euro con contributo della Regione Piemonte a valere sul Bando "Sport Missione Comune" Legge Regionale 23/2020, assegnato il 21/11/2023 a valere sull'Asse 2 interventi strategici funzionali alla creazione di centri federali o di complessi sportivi di rilevanza strategica, individuati in collaborazione con la Federazione sportiva di riferimento. La Federazione Giuoco Calcio Italiana contribuisce con 850mila euro e la Città di Venaria Reale con un impegno di 350.184 euro. 

Alla conferenza stampa, erano presenti il sindaco della Città di Venaria Reale, Fabio Giulivi, il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, l'assessore allo Sport della Regione Piemonte, Fabrizio Ricca, il vicepresidente Vicario della F.I.G.C. - Lega Nazionale Dilettanti, Christian Mossino, il presidente del Comitato Regionale F.I.G.C. - Lega Nazionale Dilettanti, Mauro Foschia, l’assessore ai Lavori Pubblici della Città di Venaria Reale, Giuseppe Di Bella, l’assessore allo Sport della Città di Venaria Reale, Luigi Tinozzi, la dirigente del settore Lavori Pubblici della Città di Venaria Reale, Roberta Cardaci, la dirigente del settore Welfare della Città di Venaria Reale, Mara Rossero.

 

«L’ iniziativa ci permetterà di sanare una ferita aperta per la nostra Città e di riqualificare un’ area abbandonata dal 2016. Un passo importante per affiancare le società sportive cittadine in un percorso di crescita, fornendo opportunità di alto livello anche grazie all’apporto delle competenze federali. Infatti, lavoreremo con la Federcalcio per rendere lo sport sempre più inclusivo e sempre più attento alle necessità dei cittadini e dei giovani in particolare. Costruiremo insieme progetti per le scuole, per il calcio femminile e per gli atleti con disabilità», dichiara il sindaco Fabio Giulivi.

 

Alberto Cirio, presidente della Regione Piemonte e Fabrizio Ricca, assessore regionale allo Sport spiegano come «Nell’anno in cui il Piemonte conferma ancora una volta in modo forte la sua “patente” internazionale per l’organizzazione dei grandi eventi sportivi, aggiungiamo un ulteriore, significativo intervento alla nostra programmazione che promuove lo sport e i suoi valori. Con questi 800 mila euro, sosteniamo la Federazione e il Comune nella realizzazione di un progetto davvero strategico: il centro tecnico federale che nascerà sarà un punto di riferimento sia per l'attività agonistica sia per quella di base. Grazie anche alle attività di formazione che la struttura ospiterà, si genereranno benefici per tutto il movimento: realizzare impianti di eccellenza come questo significa valorizzare un intero settore che ha ricadute determinanti per quanto riguarda la qualità della vita e la diffusione di valori sociali fondamentali». 

Soddisfatti anche i vertici della Figc. Per Christian Mossino, vicepresidente Vicario della F.I.G.C. - Lega Nazionale Dilettanti: «Fin da subito alla presentazione del progetto il presidente Abete ha condiviso l’importanza strategica dello stesso, approvato da tutto il Consiglio Direttivo della L.N.D.; siamo convinti della strategica importanza di fare investimenti di questa portata al fine di valorizzare, grazie ai Comitati Regionali, le attività sul territorio con impianti volti a consolidare il grande lavoro che le Società della L.N.D. svolgono  costantemente e quotidianamente per i propri atleti. Avere una “casa” sportiva aiuta a svolgere non solo progetti sportivi, ma anche sociali, come ad esempio l’attività con il Dipartimento Calcio Paraolimpico Sperimentale. Non per ultimo la condivisione con tutte le componenti della F.I.G.C. 

Da evidenziare e plaudire la sinergia tra la Regione Piemonte e il Comune di Venaria Reale che ringraziamo: solo con questa modalità, in cooperazione tra pubblico e privato, si possono realizzare progetti così ambizioni al servizio della collettività».

Mentre Mauro Foschia, presidente del Comitato Regionale F.I.G.C. - Lega Nazionale Dilettanti: «Avremo un impianto di eccellenza che sarà la nuova casa del calcio piemontese. La grande novità è il coinvolgimento di tutte le componenti del mondo federale: l’Associazione Italiana Calciatori, l’Asso Allenatori, l’Associazione Italiana Arbitri. Tutti avranno uno spazio nella struttura. Un progetto innovativo, perché va oltre l’attività di alto livello agonistico e assume una valenza sociale sul territorio. In estate, ad esempio, si svolgeranno i summer camp per i ragazzi tenuti dai tecnici delle nostre rappresentative».

Galleria fotografica

Articoli correlati