RIVOLI - Notte da incubo in ospedale: al Dea i pazienti Covid costretti a rimanere per terra FOTO

| Fanno scalpore le immagini dell'ospedale di Rivoli, dove i pazienti covid sono costretti a passare per terra, con delle coperte. In attesa di essere trasferiti in reparto.

+ Miei preferiti
RIVOLI - Notte da incubo in ospedale: al Dea i pazienti Covid costretti a rimanere per terra FOTO
Fanno scalpore le immagini dell'ospedale di Rivoli, dove i pazienti covid sono costretti a passare per terra, con delle coperte. In attesa di essere trasferiti in reparto, o controllati o visitati.

“Percorsi sporchi puliti riadattati dal personale, lavori mai fatti, territorio inesistente e assunzioni che dovevano arrivare prima. Queste sono le drammatiche condizioni della sanità Piemontese. Non abbiamo più parole dichiara”, dichiara il Nursind, il sindacato delle professioni infermieristiche, e che invoca “l'aiuto urgente del Governo”.

Il Nursing Up, sindacato degli Infermieri e delle professioni sanitarie, chiede che i vertici delle Asl e la Regione “pongano immediato rimedio a questa situazione che potrebbe mettere a rischio la possibilità di fornire adeguate cure a chi si rivolgesse a queste strutture”.

 Il Segretario Regionale del Piemonte del Nursing Up, Claudio Delli Carri, e il Segretario Aziendale Città Metropolitana di Torino del Nursing Up, Fausto Russo, spiegano: “La chiusura del DEA del Martini ha già dimostrato di creare e creerà grossi problemi al territorio. Non si può pensare di chiudere un DEA che fa 78.000 passaggi l’anno così, di punto in bianco, scaricando tutto sull’altro o sugli altri ospedali. O almeno, lo si può chiudere con una pianificazione ragionata sulla gestione degli oltre 200 utenti che vi accedono quotidianamente, in modo che possano trovare risposte alle loro esigenze di cura altrove sul territorio. Il DEA del Martini è di fondamentale importanza perché risponde alle esigenze di cura di una vasta area della zona centro sud di Torino. La sua chiusura genera inevitabilmente una maggior affluenza nei DEA limitrofi che si trovano all’Ospedale Mauriziano, Moncalieri, Rivoli e Città della Salute. E abbiamo già visto che cosa è accaduto al Maria Vittoria ieri o a Rivoli. La verità è che si pagano oggi gli enormi danni derivati da anni e anni di tagli alla Sanità e al personale. A ciò si aggiunge quello che da giorni stiamo dicendo: le enormi necessità di personale che abbiamo con gli infermieri che non si trovano più, oltretutto con quei pochi rimasti che vengono “catturati” da chi offre loro condizioni migliori. Ci rendiamo conto che stiamo giocando col fuoco? Ci rendiamo conto che questa situazione potrebbe avere delle ripercussioni notevoli sul personale e anche sulla popolazione che rischia di non trovare immediata risposta ai problemi di salute che oggi sono di urgenza-emergenza?”.

Per l’Asl To3, "Due pazienti sono stati temporaneamente alloggiati su barelle da campo (accreditate per la maxi emergenza) per poco più di un'ora, in attesa si liberassero i posti nei quali sono poi stati ospitati. Non vi è stato alcun ulteriore problema nella gestione dei pazienti, che oggi, come evidente, si recano in pronto soccorso a Rivoli anche come alternativa ad altre strutture dove l'attività è temporaneamente sospesa a causa dell'emergenza covid. L'afflusso si è fatto particolarmente intenso a seguito della chiusura dei pronto soccorso di altri ospedali, come il Martini, Venaria e Giaveno. Sottolineiamo che a Rivoli tutti i pazienti vengono accettati e curati, nessuna ambulanza attende con il paziente a bordo o viene mandata via".

 

Galleria fotografica
RIVOLI - Notte da incubo in ospedale: al Dea i pazienti Covid costretti a rimanere per terra FOTO - immagine 1
RIVOLI - Notte da incubo in ospedale: al Dea i pazienti Covid costretti a rimanere per terra FOTO - immagine 2
RIVOLI - Notte da incubo in ospedale: al Dea i pazienti Covid costretti a rimanere per terra FOTO - immagine 3
RIVOLI - Notte da incubo in ospedale: al Dea i pazienti Covid costretti a rimanere per terra FOTO - immagine 4
Cronaca
MAPPA CORONAVIRUS - Aumentano anche oggi i positivi: sono 966 (+10 in un giorno)
MAPPA CORONAVIRUS - Aumentano anche oggi i positivi: sono 966 (+10 in un giorno)
Di seguito i dati diramati dall'Unità di Crisi regionale nella serata di venerdì 22 gennaio 2021, nei nostri Comuni.
RIVOLI - La ditta di legnami stoccava rifiuti plastici e tessili: capannone sequestrato dai carabinieri
RIVOLI - La ditta di legnami stoccava rifiuti plastici e tessili: capannone sequestrato dai carabinieri
E' successo nei giorni scorsi a Cascine Vica, dopo l'attività di indagine da parte dei militari del Noe e della compagnia di Rivoli.
DRUENTO - Restaurato il monumento dedicato ai Caduti partigiani: domattina l'inaugurazione
DRUENTO - Restaurato il monumento dedicato ai Caduti partigiani: domattina l
Al termine, intervento di Maria Grazia Sestero, presidente Anpi provinciale, con successiva consegna della targa commemorativa ai presidenti Anpi di Druento e provinciale.
VENARIA - Buoni alimentari anche per disoccupati e pensionati in difficoltà: ecco le modalità
VENARIA - Buoni alimentari anche per disoccupati e pensionati in difficoltà: ecco le modalità
La domanda può esser presentata a partire dalle 11 di lunedì 25 gennaio 2021 fino alle 23.59 del 14 febbraio 2021
TORINO-COLLEGNO-SAVONERA - Mattinata di incidenti: cinque in poco tempo, tre feriti
TORINO-COLLEGNO-SAVONERA - Mattinata di incidenti: cinque in poco tempo, tre feriti
Nella zona che porta all'ingresso in tangenziale, in direzione sud, tra Torino e Collegno. Ben tre i tamponamenti mentre in un caso l'auto si è addirittura ribaltata.
SMOG - Arpa Piemonte è sicura: «Le polveri sottili non veicolano il Covid»
SMOG - Arpa Piemonte è sicura: «Le polveri sottili non veicolano il Covid»
Nel corso dell’audizione, sollecitata dal consigliere Giorgio Bertola sono stati illustrati i risultati preliminari del campionamento Sars-Cov2 nell’aria e i dati raccolti da Arpa sulla qualità dell’aria durante l’emergenza Covid.
TANGENZIALE DI TORINO - Sente dei rumori nel tir: dentro c'erano sette minorenni - FOTO
TANGENZIALE DI TORINO - Sente dei rumori nel tir: dentro c
Erano rinchiusi da due giorni, infreddoliti e affamati. Immediatamente gli agenti della polizia stradale hanno acquistano cibo e acqua nella vicina stazione di servizio, fornendo loro anche delle coperte. Ora si trovano in una comunità.
MAPPA CORONAVIRUS - Aumentano nuovamente i positivi: sono 956 (+22 in un giorno)
MAPPA CORONAVIRUS - Aumentano nuovamente i positivi: sono 956 (+22 in un giorno)
Di seguito i dati diramati dall'Unità di Crisi regionale nella serata di giovedì 21 gennaio 2021, nei nostri Comuni.
LINEA FERROVIARIA TORINO-CERES: La Regione aumenterà gli autobus nelle ore di punta
LINEA FERROVIARIA TORINO-CERES: La Regione aumenterà gli autobus nelle ore di punta
La risposta dell'assessore regionale ai Trasporti, Marco Gabusi, all'interrogazione del consigliere regionale della Lega, Andrea Cerutti.
VENARIA - Controlli della polizia per abbandono di rifiuti e deiezioni canine e cibi gettati a terra.
VENARIA - Controlli della polizia per abbandono di rifiuti e deiezioni canine e cibi gettati a terra.
In questi giorni, gli agenti della Polizia Municipale di Venaria in borghese stanno controllando il rispetto del decoro urbano da parte della cittadinanza.
Le news di Venaria, Druento e venariese le trovi su QuotidianoVenaria.it
Le notizie di Venaria le trovi su QuotidianoVenaria.it!
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Venariese in tempo reale!
QuotidianoVenaria è un supplemento telematico di QuotidianoCanavese, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Editore