La Società Ativa, ha adottato misure a sostegno del personale sanitario attualmente impegnato nel contrasto all’epidemia da Covid-19, al quale sarà concessa l’esenzione del pedaggio.

Per gli utenti sprovvisti di apparato Telepass, il personale sanitario dovrà inviare alla casella di posta elettronica centroservizi@ativa.it il modello compilato di autocertificazione, previsto dalle recenti disposizioni governative (clicca qui), corredato di idoneo documento di identità in corso di validità e della targa del veicolo.

Il transito dovrà avvenire in pista automatica, l’utente dopo aver introdotto il biglietto nel lettore, dovrà richiedere intervento premendo l’apposito pulsante, dichiarandosi all’operatore della postazione di monitoraggio, come personale sanitario impegnato nel contrasto all’epidemia da Covid-19. Nei sistemi semichiusi (tangenziale di Torino) dove non è previsto il biglietto, l’utente dovrà richiedere direttamente l’intervento.

Per gli utenti dotati di apparato Telepass; il personale sanitario dovrà inviare alla casella di posta elettronica centroservizi@ativa.it il modello compilato di autocertificazione, previsto dalle recenti disposizioni governative (Allegato 2), con l’indicazione della tratta percorsa compreso il ritorno, al fine di escludere l’addebito in fattura dei relativi pedaggi o della quota mensile dell’abbonamento alla tangenziale di Torino.

L’invio della documentazione dovrà avvenire anticipatamente al transito oppure al massimo entro cinque giorni dal primo transito.

Il periodo di validità della misura proseguirà fino al termine delle proroghe stabilite dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

La soddisfazione della Lega Nord di Rivoli

La Lega Nord di Rivoli, attraverso la segretaria - nonché vicesindaco - Laura Adduce e ai consiglieri Lucia Garzone e Vincenzo Vozzo, esprimono la loro soddisfazione per questa decisione. 

"Ringraziamo Ativa spa per la sensibilità dimostrata verso il personale sanitario, veri eroi che ogni giorno combattono in “trincea” nella guerra contro il Coronavirus. Avevamo mandato una pec qualche giorno fa e Ativa ci ha risposto positivamente, accettando la proposta sul casello di Bruere". 

Galleria fotografica

Articoli correlati