Mancano poche ore alla fine dell'anno e in ogni cittadina ci si prepara a festeggiare l'arrivo del nuovo anno. Come da tradizione, a mezzanotte - e forse pure prima - inizieranno a sentirsi botti di ogni genere.

Le associazioni a tutela degli animali, da settimane, invitano le cittadinanze a limitarsi o, addirittura, a non acquistare petardi, raudi, botti di ogni genere. Anche fossero legali e sicuri.

Ma cosa hanno fatto le amministrazioni comunali in tal senso? Nella nostra zona, i sindaci di Venaria, San Gillio, Mappano, Rivoli, Grugliasco, Collegno, Pianezza, Cafasse, e Druento (che però ha istituito i giochi pirotecnici per la Patronale) si sono detti contrari ai fuochi d'artificio e ai botti, firmando ordinanze o ricordando il regolamento di polizia municipale.

La Cassa, Val della Torre, Fiano, Robassomero, Borgaro, Caselle, Alpignano e Mathi, invece, si sono astenute dal prendere provvedimenti, motivando come nelle piccole cittadine i corpi di polizia locale non hanno la copertura notturna e le forze dell'ordine - in questo caso, i carabinieri - pattuglieranno tutto il territorio ma non possono essere fisicamente presenti in contemporanea in ogni singolo Comune. 

+++NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO+++

 

 

Galleria fotografica

Articoli correlati