COLLEGNO-RIVOLI - Maxi evasione fiscale: sei arresti da parte della Guardia di Finanza

| Due milioni e mezzo di euro il valore dei beni sequestrati in corso di esecuzione a Torino e provincia.

+ Miei preferiti
COLLEGNO-RIVOLI - Maxi evasione fiscale: sei arresti da parte della Guardia di Finanza
Sono 6 le persone arrestate dalla Guardia di Finanza di Torino, responsabili di aver ideato e gestito un articolato sistema criminoso finalizzato all’evasione fiscale mediante l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, per oltre 3 milioni di euro, da parte di un’affermata azienda di autotrasporti torinese, operante nel settore automotive per note case automobilistiche.

Due milioni e mezzo di euro il valore dei beni sequestrati in corso di esecuzione a Torino e provincia.

Nei guai sono finiti due amministratori dell'azienda di autotrasporti, un avvocato civilista e la moglie del legale - di Rivoli - e due amministratori di altre società, uno di Collegno e Giaveno.

Le custodie cautelari, emesse dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Torino, sono giunte al termine di un’indagine condotta dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria del capoluogo piemontese e coordinata dal Procuratore Aggiunto dott. Marco Gianoglio e dal Pubblico Ministero dott. Mario Bendoni.

L’operazione ha permesso di individuare 12 soggetti responsabili di aver partecipato, a vario titolo, al complesso meccanismo fraudolento, messo a punto da un avvocato civilista torinese. Nello stesso erano coinvolte 10 società compiacenti, aventi sede tra il Piemonte e il Lazio, tra cui numerose cartiere, che emettevano fatture per operazioni inesistenti in favore della società di autotrasporti torinese, i cui amministratori, marito e moglie, sono finiti in manette insieme all’avvocato, alla moglie di quest’ultimo, e a 2 amministratori delle società emittenti.

I Finanzieri hanno accertato che i profitti della frode venivano fatti confluire su conti correnti esteri intestati a 2 società appositamente costituite ad Ibiza e, dopo essere stati ripuliti, venivano utilizzati per l’acquisto di case vacanza in loco, dal cui affitto gli indagati ottenevano ulteriori guadagni. I proventi delittuosi venivano altresì utilizzati per l’acquisto di beni di lusso, tra i quali una Ferrari 812 Superfast, da cui ha preso il nome l’operazione, di immobili ubicati anche in prestigiose località sciistiche, nonché trasferiti in favore di società austriache per effettuare investimenti in prodotti finanziari.

Le complessive attività investigative hanno consentito, altresì, di contestare il reato di bancarotta fraudolenta a carico di 8 soggetti per aver, in concorso tra loro, procurato il fallimento di due società emittenti le false fatturazioni, distraendo risorse finanziare per più di 2 milioni di euro.

In particolare, gli amministratori delle emittenti fallite, pur registrando in contabilità le operazioni derivanti dalle false fatturazioni, omettevano il versamento delle imposte dovute e, con la complicità di ulteriori soggetti, si sottraevano fraudolentemente al pagamento delle imposte sui redditi e sul valore aggiunto, compiendo atti simulati e, comunque, fraudolenti sui loro beni, in modo idoneo a rendere inefficaci le procedure di riscossione coattiva dell’Erario.

Le indagini, connotate da particolare complessità soprattutto per quanto concerne la ricostruzione di tutte le movimentazioni dei proventi illeciti e l’individuazione delle società estere coinvolte, sono state eseguite avvalendosi di diversificati strumenti investigativi, tra i quali attività di cooperazione giudiziaria internazionale.

Contemporaneamente agli arresti, sono stati notificati sequestri per circa 2 milioni e mezzo di euro di beni riconducibili agli indagati, tra cui rientrano 9 immobili ubicati in provincia di Torino.

Sono state inoltre notificate le misure interdittive del divieto temporaneo di esercitare la professione forense a carico dell’avvocato ideatore della frode e del divieto temporaneo di esercitare attività imprenditoriali e di ricoprire uffici direttivi delle persone giuridiche a carico di un’amministratrice di società.

L’indagine si incardina nelle ordinarie attività di contrasto all’evasione fiscale eseguite dal Corpo, ma anche di tutela dei mercati e della libera concorrenza, in quanto, attraverso sistemi di questo tipo, i responsabili delle condotte illecite non solo creano gravi danni per l’Erario, ma alterano l’intero sistema economico tagliando fuori dal mercato le società che, rispettando tutti gli adempimenti fiscali, a fronte delle medesime prestazioni, non riescono a praticare gli stessi prezzi.

 

 

 

 

 

 



Cronaca
RIVOLI - Terremoto a Montélimar: la vicinanza del sindaco Andrea Tragaioli
RIVOLI - Terremoto a Montélimar: la vicinanza del sindaco Andrea Tragaioli
L'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia parla di una scossa di magnitudo 5.0, con profondità 11 km. Il bilancio parla di quattro feriti, di cui uno grave.
RIVOLI - Dal 24 novembre torna in città il Villaggio di Babbo Natale
RIVOLI - Dal 24 novembre torna in città il Villaggio di Babbo Natale
L’evento è organizzato da TurismOvest, con il contributo della Città di Rivoli, il patrocinio della Città di Torino, della Città Metropolitana di Torino, della Regione Piemonte e della Camera di Commercio di Torino.
RIVOLI - Un coro unanime: «La metro 1 deve arrivare in centro, all'ospedale e all'Auchan»
RIVOLI - Un coro unanime: «La metro 1 deve arrivare in centro, all
Si é tenuta questa mattina, in sala giunta a Rivoli, una conferenza stampa sul futuro della metropolitana 1 di Rivoli.
VENARIA - Incidente in tangenziale fra auto e tir: dopo l'urto, macchina trascinata per 100 metri
VENARIA - Incidente in tangenziale fra auto e tir: dopo l
Una ragazza del 1991, alla guida dell'auto, è stata portata in ospedale al Maria Vittoria in vistoso stato di choc.
BORGARO-TORINO - Furti in abitazione nel centro di Torino: arrestati due ragazzi del campo nomadi
BORGARO-TORINO - Furti in abitazione nel centro di Torino: arrestati due ragazzi del campo nomadi
Sono accusati di furti commessi a Torino, nella zona di corso Quintino Sella a Torino. Erano già in carcere dopo essere stati arrestati a Ferragosto dopo una serie di furti in via Sant'Ottavio a Torino.
DRUENTO - Torna l'appuntamento con la «Castagnata della Solidarietà» in piazza Oropa
DRUENTO - Torna l
Il ricavato della manifestazione sarà devoluto alla San Vincenzo e al Centro d'Ascolto per le famiglie, con minori, bisognose di Druento, e al progetto “Druento per i giovani”.
PAURA A VENARIA - Scoppia un incendio in un appartamento di via Di Vittorio
PAURA A VENARIA - Scoppia un incendio in un appartamento di via Di Vittorio
Alle case Fiordaliso, all'angolo con via Buozzi. Sul posto i vigili del fuoco e i mezzi di soccorso
VENARIA - I ladri tornano a colpire: rubati ori, preziosi e soldi in due abitazioni di via Salvemini
VENARIA - I ladri tornano a colpire: rubati ori, preziosi e soldi in due abitazioni di via Salvemini
Sui casi stanno indagando i carabinieri della compagnia di Venaria. Per gli inquirenti potrebbe trattarsi di una banda specializzata in questa tipologia di furti.
COLLEGNO - Fino a dicembre lavori sul cavalcaferrovia di corso Francia
COLLEGNO - Fino a dicembre lavori sul cavalcaferrovia di corso Francia
Per la rimozione e il rifacimento delle barriere bordo ponte deteriorate. Chiusi o ristretti i percorsi ciclopedonali
CASELLE - Ruba profumi e creme in aeroporto: fermata e denunciata poco prima del decollo
CASELLE - Ruba profumi e creme in aeroporto: fermata e denunciata poco prima del decollo
Era già seduta al proprio posto a bordo di un aereo in partenza per Malta quando i Finanzieri l’hanno raggiunta e, tra lo stupore degli altri passeggeri, riaccompagnata al terminal dello scalo torinese.
Le news di Venaria, Druento e venariese le trovi su QuotidianoVenaria.it
Le notizie di Venaria le trovi su QuotidianoVenaria.it!
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Venariese in tempo reale!
QuotidianoVenaria è un supplemento telematico di QuotidianoCanavese, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Editore