Potrebbe essere presto scovato l'autore dei ripetuti avvelenamenti di cani all'interno del parco di Borgata Paradiso a Grugliasco.

Le indagini della polizia municipale di Grugliasco sono ancora in corso ma sarebbe solamente questione di tempo. Giorni, settimane? Non è dato sapere, al momento. 

Si appresta quindi a chiudersi una vicenda che da quattro anni sta creando non pochi problemi, e diversi dispiaceri, ai padroni dei quattrozampe.

I cani, infatti, sono stati avvelenati nel tempo con bocconi ripieni di veleno - nella maggior parte dei casi topicidi - o chiodi. 

Tante le denunce finite sul tavolo dei carabinieri e della polizia municipale, con quest'ultima ad un passo da dare un nome e un volto alla persona. 

Ancora di più dopo l'ultimo episodio, di una settimana fa, quando è stato trovato l'ennesimo boccone di carne con dentro chiodi. 

A stanarlo sarebbero state le "fototrappole", particolari dispositivi in grado di fare fotografie ad alta risoluzione e che in passato hanno permesso di stanare gli incivili che gettavano i rifiuti in periferia. 

 

Galleria fotografica

Articoli correlati