«Vado in ospedale ma solo se con me viene il sindaco». È la richiesta fatta da una donna al primo cittadino di Rivoli, Andrea Tragaioli, che ieri mattina aveva dato in escandescenze in municipio a tal punto che si era reso necessario un trattamento sanitario obbligatorio psichiatrico in ospedale. 

E così a Palazzo Civico, in corso Francia, sono dovuti intervenire il personale sanitario 118, i carabinieri della compagnia di Rivoli e gli agenti della polizia locale. Per diverso tempo hanno provato a convincere la donna a recarsi di sua volontà in ospedale, salendo sopra all’ambulanza.

E quando la donna ha formulato l’insolita richiesta, ecco che Tragaioli non ci ha pensato sopra più di tanto ed è salito sull’ambulanza.

«Solitamente il sindaco ha solo il compito di firmare il trattamento sanitario obbligatorio. Ma quando ho capito quale fosse la situazione ho deciso di stare accanto a questa signora anche in ambulanza. Anche perché sono sempre pronto ad aiutare le persone che non stanno bene e hanno dei problemi. Il personale sanitario mi ha ringraziato per quanto ho fatto. Alla pari della signora, che poi mi ha regalato una immagine sacra», ha commentato Tragaioli.

Galleria fotografica

Articoli correlati