RIVOLI - Mascherine sprovviste di sigilli di sicurezza: maxi sequestro e tre denunce

| Sono tutt’ora in corso ulteriori indagini della Guardia di Finanza e della Procura della Repubblica torinese al fine di individuare eventuali altri lotti di mascherine chirurgiche, ffp2 e ffp3 sprovviste del marchio CE

+ Miei preferiti
RIVOLI - Mascherine sprovviste di sigilli di sicurezza: maxi sequestro e tre denunce
Si chiama “Muraglia Cinese” l'operazione della Guardia di Finanza che ha portato al sequestro di oltre 10mila dispositivi medici sequestrati, come mascherine chirurgiche, ffp2 e ffp3. Tutte sprovviste del marchio CE.

Al termine dell'operazione, tre persone sono state denunciate per frode in commercio.

Le indagini, condotte dai Finanzieri della Tenenza di Bardonecchia e coordinate dalla Procura della Repubblica di Torino, sono nate alcuni giorni fa da un primo sequestro nei confronti di un’impresa di articoli sanitari con alcuni punti vendita siti nella Val di Susa.

Ed è proprio presso il commerciante che i Finanzieri, dopo alcuni approfondimenti, hanno appurato che le mascherine, acquistate in grosse quantità dalla Cina, erano sì certificate ma da una società cinese non autorizzata ad apporre i necessari sigilli di garanzia e addirittura inserita, assieme ad altre società, in una sorta di black-list che la bandiva dall’effettuare tali importanti procedure di garanzia.

Le indagini hanno portato gli inquirenti a ricostruire l’intera filiera di approvvigionamento delle mascherine dalla Cina, introdotte in Piemonte da un importatore di origine cinese che con i dispostivi medici ha abitualmente poco a che fare. L’uomo, infatti, con numerosi punti vendita a Torino, Rivoli e Settimo di articoli floreali, piante e serre, nonché gestore di un Bar tabacchi commercializzava, di recente, anche dispositivi medici. Oltre 10.000 le mascherine cautelate presso l’azienda; tutta la documentazione rinvenuta è ora al vaglio dei Finanzieri di Bardonecchia per appurare la veridicità e l’attendibilità delle certificazioni che hanno accompagnato i dispositivi di protezione sequestrati sino in Italia.  

Sono tutt’ora in corso ulteriori indagini della Guardia di Finanza e della Procura della Repubblica torinese al fine di individuare eventuali altri lotti di mascherine (dispositivi medici: mascherine chirurgiche, ffp2 e ffp3) sprovviste del marchio CE o introdotte in Italia attraverso certificazioni fasulle che non garantiscono i requisiti di sicurezza.  

Tre finora le persone denunciate alla Procura della Repubblica di Torino per frode in commercio; oltre 10.000 le mascherine sequestrate.

In merito all’operazione della Guardia di Finanza, l’Autorità Giudiziaria che sta coordinando le indagini, raccomanda a tutti i soggetti che operano nel mercato di verificare, preventivamente, le certificazioni di conformità dei dispositivi di protezione individuale.

Infatti, sul mercato italiano, i c.d. DPI (dispositivi di protezione individuale) e gli altri prodotti necessari al contenimento dell’epidemia, devono rispondere a rigorosi requisiti nonché superare specifici test.

In particolare, i facciali filtranti delle classi “N95” (provenienti dal mercato americano), “KN95” (di origine cinese), ovvero i facciali filtranti comunemente denominati FFP2 o FFP3, per essere lecitamente immessi sul mercato devono essere muniti di apposito certificato di idoneità che attesti il superamento ai predetti controlli, nel rispetto della norma europea “EN 149-2001”.

In buona sostanza, mentre per gli acquisti di DPI effettuati da società operanti all’interno della Comunità Europea, gli stessi sono già muniti di idoneità alla predetta normativa, i dispositivi di protezione individuale provenienti da Paesi EXTRA-UE (es. Cina e America), dovranno preventivamente essere verificati dagli organi preposti (es. INAIL o istituto Superiore di Sanità), circa la conformità dei certificati acquisiti dall’importatore rispetto ai rigorosi standard richiesti dalle norme europee e poi autorizzati per l’immissione in commercio. Pertanto si raccomanda ai rivenditori di farsi rilasciare l’autorizzazione alla vendita sulla conformità dei predetti dispositivi provenienti da area extra europea dalle autorità preposte prevista dalla legge anche nel caso in cui siano stati rilasciati certificati di conformità da società straniere, nonché agli acquirenti di verificare che tale autorizzazione sia stata accordata al venditore.

Cronaca
COLLEGNO - Violenta lite in famiglia: padre accoltella il figlio. Arrestato dai carabinieri
COLLEGNO - Violenta lite in famiglia: padre accoltella il figlio. Arrestato dai carabinieri
Il giovane ha così colpito il padre con un pugno al volto. Il padre, però, ha reagito con un coltello da cucina, colpendo il figlio all'addome durante quei momenti così concitati.
LUCI ROSSE AL CHICO MENDEZ - In rete un video porno girato da Andrea Diprè e le SpicyGirl
LUCI ROSSE AL CHICO MENDEZ - In rete un video porno girato da Andrea Diprè e le SpicyGirl
Sta girando nei siti specializzati da diverse settimane. A girarlo è stato l'avvocato trentino con la passione dell'arte e che, negli ultimi anni, ha deciso di avvicinarsi al mondo del porno.
VENARIA ELEZIONI 2020 - Presentato il programma elettorale della candidata Rossana Schillaci
VENARIA ELEZIONI 2020 - Presentato il programma elettorale della candidata Rossana Schillaci
La candidata a sindaco del centrosinistra (Pd, Moderati, Psi/Italia Viva, DemoS/Verdi, Venaria Punto e a Capo e Venaria Coraggiosa) lo ha presentato venerdì sera, nella sede del Pd di via Palestro
GRUGLIASCO - Dal 2021 in città ecco il centro smistamento di Amazon: 100 nuovi posti di lavoro
GRUGLIASCO - Dal 2021 in città ecco il centro smistamento di Amazon: 100 nuovi posti di lavoro
La nuova struttura servirà i clienti residenti nella provincia di Torino. È previsto che i fornitori di servizi di consegna assumano oltre 70 autisti a tempo indeterminato, oltre ai 30 di Amazon
VENARIA - Martedì pomeriggio l'ultimo saluto a Giuseppe Ciulla, ambulante e marinaio
VENARIA - Martedì pomeriggio l
Ed è per questo motivo che, oltre ad amici, parenti e tanti cittadini, alle esequie saranno presenti i marinai venariesi in divisa e labaro listato a lutto.
RIVOLI - Incidente in corso Francia: sette persone ferite, portate in ospedale
RIVOLI - Incidente in corso Francia: sette persone ferite, portate in ospedale
A riportare i danni maggiori è stata una Fiat Panda vecchio modello, che ha tamponato una Chevrolet Aveo, all'altezza del semaforo.
BORGARO - Schedina fortunata: vinto un «5» al SuperEnalotto da oltre 18mila euro
BORGARO - Schedina fortunata: vinto un «5» al SuperEnalotto da oltre 18mila euro
La schedina vincente è stata convalidata presso la Tabaccheria Adriano di via Gramsci 25. Il Jackpot, intanto, continua a salire e per il concorso di martedì mette in palio 21,6 milioni di euro.
MAPPANO - Caso Mattatoio, la Lega: «Non siamo nel Medioevo. No leggi infrante per un rituale»
MAPPANO - Caso Mattatoio, la Lega: «Non siamo nel Medioevo. No leggi infrante per un rituale»
Dopo il sequestro del mattatoio abusivo di Mappano, dove sono stati sequestrati 26 capre, 106 pecore, un toro e un asino, pronti per essere uccisi per la Festa islamica del Sacrificio, la Lega regionale va all'attacco
DRUENTO-ROBASSOMERO - Il furgone pieno di uova finisce fuori strada lungo la Direttissima
DRUENTO-ROBASSOMERO - Il furgone pieno di uova finisce fuori strada lungo la Direttissima
Sul posto è intervenuta un'ambulanza del 118 della Croce Rossa che ha soccorso il conducente. Lievi disagi al traffico veicolare.
VENARIA - La mamma è morta da tre giorni. Ma al Polo Sanitario si dimenticano di avvisare
VENARIA - La mamma è morta da tre giorni. Ma al Polo Sanitario si dimenticano di avvisare
Maria Greco è morta a 91 anni al Polo Sanitario di Venaria tra venerdì 24 e sabato 25 luglio 2020, nel reparto di lungodegenza della struttura sanitaria di via Don Sapino.
Le news di Venaria, Druento e venariese le trovi su QuotidianoVenaria.it
Le notizie di Venaria le trovi su QuotidianoVenaria.it!
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Venariese in tempo reale!
QuotidianoVenaria è un supplemento telematico di QuotidianoCanavese, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Editore