Entro due anni, se tutto andrà per il verso giusto, a Collegno, più precisamente tra via Italia e via Nazioni Unità, nell’area industriale, sorgerà un secondo stabilimento della storica fabbrica “Pastiglie Leone”. Azienda che vanta 164 anni consecutivi di attività e, nonostante qualche cambio di proprietà, ancora leader nel settore delle caramelle e dei dolciumi.

Questa volta, però, la Leone vuole indirizzarsi nell’ambito del cioccolato, dove già è presente. L’obiettivo è quello di fare il “grande salto” anche in questo determinato settore dolciario. 

Nei prossimi mesi arriveranno i tanto attesi permessi per costruire da parte del Comune di Collegno, preludio al cantiere. Un cantiere che sarà completato nel 2023, anche se per il momento è prematuro parlare di date. Lo stabilimento, se non ci fosse stata la pandemia, sarebbe già ad un passo dalla conclusione. Ma il Covid ha rallentato tutto: idee, progetti, permessi di costruzione.

La “Leone” ha dato l’annuncio ai sindacati nelle scorse settimane, in un’ottica di estrema trasparenza, spiegando inoltre come il nuovo stabilimento sarà un richiamo alla storia dell’azienda, in stile 1800. E diventerà anche una opportunità di studio per le scuole di Collegno, Torino e dell’area metropolitana. 

Il nuovo stabilimento vorrà dire anche nuove assunzioni. La proprietà - ora di Luca Barilla, erede della nota azienda multinazionale di pasta e dolciumi - ha già assunto quattro persone, tutti specializzati nella lavorazione del cioccolato. Assunzioni ma anche acquisto in ambito delle tecnologie, basilari in questa nuova avventura.

Da Palazzo Civico, la notizia dell’ampliamento della “Pastiglie Leone” è stata presa con grande positività:"La tradizione di Pastiglie Leone ha trovato terreno fertile a Collegno. La crescita di questa storica azienda vuol mettere radici nel futuro. Un investimento importante che la città accoglie con grande entusiasmo perchè persegue la strategia innovativa di aprire i luoghi del lavoro ai visitatori, interessati ad immergersi nella produzione del cioccolato e del suo mito che ha accompagnato l'evoluzione del gusto dell’umanità”, commenta il sindaco di Collegno, Francesco Casciano.

Galleria fotografica

Articoli correlati