Una mostra fotografica per sensibilizzare i più giovani affinché gli orrori del passato, non si ripetano. È questo, in sintesi, ”Bambini nel vento”, organizzata dall'Anpi di Venaria con l'aiuto organizzativo della Pro Loco di Altessano e Venaria.  

La mostra, inaugurata in occasione del “Giorno della memoria”, è stata allestita nell'auditorium  della scuola media Don Milani e proseguirà fino al 5 febbraio 2021. 

All’inaugurazione erano presenti il sindaco Fabio Giulivi, il presidente del consiglio Giuseppe Ferrauto, l'assessore alla cultura Marta Santolin, l’assessore all’Istruzione Paola Marchese, il presidente dell’Anpi, Carlo Iandolino, e la dirigente scolastica Anna Civarello, oltre ad alcuni studenti della media Don Milani e della primaria Romero.

"Bambini nel vento, dai ghetti ai lager nazisti" è composta da otto pannelli: in ogni pannello sono raccolte più di 20 fotografie di disegni fatti da bambini del campo di concentramento di Theresienstad e fotografie dei bambini del ghetto di Varsavia. Furono raccolte nel 2009 in collaborazione con la Biblioteca civica Tancredi Milone da Giuseppe Repucci, figlio di un ex deportato torinese, dall'Aned (Associazione nazionale deportati), dall'Anpi e dallo Spi-Cgil.

"A causa dell'emergenza Coronavirus, non abbiamo potuto organizzare conferenze come gli altri anni. Ma la situazione non ci ha impedito di riallestire la mostra "Bambini nel vento", per portare ancora una volta la testimonianza ai ragazzi nelle scuole. La storia e le immagini di quegli orrori per non dimenticare. Perchè soltanto con l'informazione, l'apprendimento e la testimonianza si cresce diventando uomini”, ha commentato Annibale Pitta del direttivo Anpi.

Silvia Iannuzzi

Galleria fotografica

Articoli correlati