RIVOLI-GRUGLIASCO - Donne costrette a prostituirsi: sette arresti - VIDEO

| Dalla Nigeria alla Libia sui carri bestiame, l'odissea di donne sfruttate da connazionali che le destinavano alle strade del torinese

+ Miei preferiti
RIVOLI-GRUGLIASCO - Donne costrette a prostituirsi: sette arresti - VIDEO
I carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Genova hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Torino nei confronti di sette persone di nazionalità nigeriana ritenute responsabili dei reati di tratta di persone e riduzione e mantenimento in schiavitù, aggravati dal fatto di essere diretti allo sfruttamento della prostituzione. L’indagine, convenzionalmente denominata “EPA” ha preso avvio da una attività investigativa condotta nell’estate 2016 dalla terza Sezione del Nucleo Investigativo carabinieri di Genova per la ricerca di un catturando nigeriano durante il quale emersero contatti che evidenziavano palesemente l’attività illecita svolta da alcuni suoi connazionali dediti al reclutamento, all’introduzione nel territorio dello Stato italiano, al trasporto ed alla riduzione in schiavitù di ragazze nigeriane costrette al meretricio.
   
In particolare, i primi riscontri si concentravano su una coppia di nigeriani che obbligavano due connazionali maggiorenni a prostituirsi in strada nei comuni di Rivoli e Grugliasco. Gli sviluppi d’indagine hanno consentito di individuare un gruppo di persone appartenenti alla comunità nigeriana torinese che dopo aver acquistato giovani ragazze nigeriane nel Paese di origine, le facevano giungere in Italia attraverso i flussi migratori nel Mar Mediterraneo in partenza dalle coste libiche. Le ragazze venivano attirate dalla promessa di una vita nuova in Italia, ben lontana dalla miseria e dalla sofferenza per le condizioni di vita patite nei luoghi d’origine.

Molte di loro, però, impattavano subito con la crudele realtà, affrontando un lungo viaggio verso le coste libiche a bordo di camion per il trasporto di bestiame in condizioni disumane; durante l’odissea attraverso il deserto, che a tappe poteva durare anche mesi, venivano picchiate e violentate, oltre ad essere costrette ad assistere alle feroci esecuzioni di chi si ribellava. In tal modo comprendevano di essere diventate una mera merce di scambio pagata ad un prezzo oscillante tra i 16 ed i 20 mila euro.  Giunte in Italia le donne venivano prelevate direttamente dai loro compratori; arrivate a Torino e nell’hinterland, venivano segregate presso le stesse abitazioni dei loro sfruttatori che le avviavano subito al meretricio obbligandole a corrispondere i proventi dell’attività illecita sia per riscattare i documenti identificativi sottratti con l’inganno di una sedicente occupazione, sia per pagare l’affitto mensile della porzione di strada occupata per prostituirsi.    

L’indagine ha dunque consentito di stroncare lo sfruttamento da parte di sette soggetti (4 uomini e 3 donne) di cinque prostitute poco più che ventenni, ridotte in condizione di totale schiavitù a fine sessuale sulle strade di Rivoli, Grugliasco, Settimo Torinese e Moncalieri, il cui numero sarebbe stato certamente alimentato grazie ai solidi contatti con le organizzazioni criminali strutturate in Africa e dedite alla tratta di esseri umani. Dei quattro uomini destinatari della misura cautelare, di cui due sono stati arrestati a Torino, uno risulta già detenuto in un carcere francese per traffico di sostanze stupefacenti.

Video
Cronaca
BORGARO - Nasce il registro comunale delle «Dichiarazioni anticipate di trattamento»
BORGARO - Nasce il registro comunale delle «Dichiarazioni anticipate di trattamento»
Le persone residenti a Borgaro potranno esprimere liberamente la propria volontà in materia di trattamento sanitario, ma anche il rifiuto o il consenso rispetto ad accertamenti diagnostici o scelte terapeutiche o singoli trattamenti.
VARISELLA - Inciampa nella finestra e muore: ex proprietari di casa assolti dopo il processo
VARISELLA - Inciampa nella finestra e muore: ex proprietari di casa assolti dopo il processo
Per il Tribunale di Ivrea non hanno colpe nella morte di Manuela Rosselli, 40enne, che nel 2014 era al settimo mese di gravidanza.
ZONA OVEST - Contributo di 250 euro per l'acquisto di una bicicletta a pedalata assistita
ZONA OVEST - Contributo di 250 euro per l
Per i residenti di Alpignano, Buttigliera alta, Collegno, Druento, Pianezza, Grugliasco, Rivoli, Rosta, Venaria, Villarbasse e San Gillio. Come fare per ottenerlo.
ZONA OVEST - I ladri tornano a colpire nel cuore della notte: presa di mira un'auto
ZONA OVEST - I ladri tornano a colpire nel cuore della notte: presa di mira un
Per non rubare nulla e arrecando solamente un danno al proprietario. Ma i casi di furti di pneumatici e di auto continuano ad essere all'ordine del giorno. Sui casi indagano i carabinieri della compagnia di Rivoli.
VAL CERONDA E CASTERNONE - Continuano le «visite» dei ladri: portati via i soldi da un'abitazione
VAL CERONDA E CASTERNONE - Continuano le «visite» dei ladri: portati via i soldi da un
Gli episodi si moltiplicano, visti i precedenti a La Cassa, Val della Torre e Givoletto, tra tentativi e colpi riusciti. I carabinieri della compagnia di Rivoli stanno dando la caccia ai responsabili.
CASELLE - CR7 è atterrato: domani le visite mediche al J Medical
CASELLE - CR7 è atterrato: domani le visite mediche al J Medical
Il campione portoghese è arrivato con un jet privato assieme al suo staff e alla sua compagna, Georgina Rodriguez.
BORGARO - Ladri di tombini, nella notte, al parco Don Banche
BORGARO - Ladri di tombini, nella notte, al parco Don Banche
"Questa mattina, il personale comunale si è già recato sul posto per posizionare una transenna in modo tale da delimitare l'area ed evitare il passaggio da parte dei fruitori del parco stesso, in particolare dei bambini", spiega il sindaco.
ALPIGNANO - Tanta commozione al funerale di Ornella Bellagarda, morta durante un'immersione
ALPIGNANO - Tanta commozione al funerale di Ornella Bellagarda, morta durante un
Centinaia di persone hanno voluto prendere parte al funerale di Ornella Bellagarda, la 50enne volontaria della Croce Verde di Alpignano, morta domenica scorsa nel mare di Arenzano mentre era intenta ad immergersi nelle profondità marine
VENARIA - Una serata di festa a base di sport, musica e divertimento dedicata a Maggie, Nicola, Gianluigi e Pino
VENARIA - Una serata di festa a base di sport, musica e divertimento dedicata a Maggie, Nicola, Gianluigi e Pino
Molto apprezzata l'esibizione di allenamento CrossFit da parte della palestra New Gym Sport, così come le perfomance musicali e i ricordi per commercianti come Nicola Natale, Pino Fiorenza, Gianluigi Ciulla e Maria Meggie Salamone
DRUENTO - La città ha voluto ricordare la figura di Meo Mana a 39 anni dalla sua morte
DRUENTO - La città ha voluto ricordare la figura di Meo Mana a 39 anni dalla sua morte
Il vigile urbano - così come veniva chiamato all'epoca - era stato ucciso in via Torino da un commando di Prima Linea proprio davanti all'ingresso della filiale della "Cassa di Risparmio di Torino", ora "Unicredit".
Le news di Venaria, Druento e venariese le trovi su QuotidianoVenaria.it
Le notizie di Venaria le trovi su QuotidianoVenaria.it!
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Venariese in tempo reale!
QuotidianoVenaria è un supplemento telematico di QuotidianoCanavese, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Editore