Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del nuovo Coronavirus sul territorio nazionale i casi totali sono 10149, al momento sono 8514 le persone che risultano positive al virus. Le persone guarite sono 1004. I pazienti ricoverati con sintomi sono 5038, in terapia intensiva 877, mentre 2599 si trovano in isolamento domiciliare. I deceduti sono 631, questo numero, però, potrà essere confermato solo dopo che l’Istituto Superiore di Sanità avrà stabilito la causa effettiva del decesso. Il Capo della Protezione civile e Commissario per l'emergenza, Angelo Borrelli, ha comunicato che i guariti sono 280 in più rispetto a ieri; ha anche invitato tutti i cittadini ad informarsi esclusivamente attraverso i canali ufficiali, per non favorire la diffusione di fake news. In Piemonte le persone positive sono al momento 482, quelle negative al test 1.986. Gli esami in corso sono 362. Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti: 115 a Torino, 58 ad Asti, 69 ad Alessandria, 23 a Biella, 14 a Cuneo, 24 a Novara, 24 a Vercelli e 11 nel VCO. Da fuori regione ne sono arrivati 18 provenienti da fuori regione sono 18, mentre 126 casi sono ancora in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. In Rianimazione sono ricoverate 74 persone. In giornata si sono registrati altri tre decessi. Si tratta di un uomo di 57 anni mancato in rianimazione nell’ospedale di Asti, di una donna di 87 anni morta nell’ospedale di Biella e di un uomo di 84 anni morto nell’ospedale di Novara. Tutte queste persone presentavano un quadro definito dai sanitari «compromesso». Consiglio e Giunta regionale rivolgono a tutti i piemontesi l’appello a restare a casa per limitare la diffusione del Covid-19. Il Piemonte è tenuto a rispettare le misure urgenti per il contenimento del virus del Decreto 9 marzo 2020, in vigore fino al 3 aprile. «Agiamo tutti con responsabilità, insieme possiamo fermarlo».

Galleria fotografica

Articoli correlati